menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Toscana si sveglia rossa: ecco le misure previste nella Settimana Santa

L'ultimo monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanità ha sancito il cambio di colore per la nostra regione. Sospesa l'attività didattica in presenza

La Toscana si sveglia rossa. Da oggi infatti, 29 marzo, e fino al 6 aprile saranno in vigore in tutto il territorio regionale le massime restrizioni per cercare di frenare i contagi da Covid-19. Un errore di conteggio, come sottolineato dal governatore Giani, ha fatto precipitare la nostra regione per un soffio nel profondo rosso che, in pratica, significa soprattutto didattica a distanza per le scuole di ogni ordine e grado e negozi chiusi. Una zona rossa che coinciderà nel weekend di Pasqua, da sabato 3 a lunedì 5 aprile, con il lockdown in tutto il Paese come stabilito dal decreto del premier Draghi.
Nei tre giorni pasquali però il Governo ha dato la possibilità anche in zona rossa di far visita ai parenti, sul modello Natale insomma. Il 3, 4 e 5 aprile sarà infatti consentito una sola volta al giorno, spostarsi verso un'altra abitazione privata abitata della stessa Regione, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell'abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

Vediamo dunque quali sono le principali misure in vigore dal 29 marzo al 2 aprile e il 6 aprile in Toscana:

Spostamenti

È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona rossa nonché all'interno dei medesimi territori, salvo che per motivi di lavoro, necessità o salute. È consentito il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza.

Scuola

Sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali

Attività commerciali

Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell'allegato 23, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali.
Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici.
Restano aperti le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

Bar e ristoranti

Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio e fino alle 22 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Servizi alla persona

Sono sospese le attività di parrucchieri, barbieri e centri estetici.

Attività sportiva e motoria

È consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione purché nel rispetto del distanziamento e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie. È altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all'aperto e in forma individuale.
Sono sospese le attività sportive e motorie nei centri sportivi e circoli all'aperto.

Sport in zona rossa: come comportarsi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento