Coronavirus, nuova ordinanza della Regione: tracciamento e test presso gli aeroporti

Il provvedimento del governatore per prevenire nuovi contagi da persone provenienti da aree extra Schengen

Una nuova ordinanza emanata dal governatore della Toscana Enrico Rossi per controllare le persone che arrivano da aree no Schengen e che, come nel caso del cluster familiare rilevato due giorni fa a Pisa, possono portare nuovi contagi. Da sabato 18 luglio le Aziende sanitarie territorialmente competenti dovranno allestire, presso gli aeroporti di Pisa e di Firenze, stazioni di accoglienza per cittadini provenienti con voli da aree extra Schengen. Il provvedimento resterà in vigore fino alla fine dello stato di emergenza sanitaria.

Nelle stazioni di accoglienza saranno registrati tutti coloro che entrano in Italia dalle aree extra Schengen che dovranno effettuare il periodo di
14 giorni di isolamento fiduciario con sorveglianza attiva in base al DPCM 11 giugno 2020, articolo 4 comma 3 prorogato dal DPCM 14 luglio.

Presso i punti di accoglienza sarà offerta anche la possibilità di fare i test sierologici e i test molecolari. Sarà anche garantita la possibilità di isolamento presso alberghi sanitari per chi risulti positivo nonché per chi ha eventuali contatti stretti con i positivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

Torna su
PisaToday è in caricamento