Traffico passeggeri negli aeroporti toscani: cala Pisa, cresce Firenze

Crescono i ricavi di Toscana Aeroporti, stazionario il traffico rispetto il 2018. Nel terzo trimestre 2019 il Galilei fa registrare un -3%, compensato da Peretola con il +3%

Il Consiglio di Amministrazione di Toscana Aeroporti ha approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2019.

L'andamento del traffico passeggeri nei primi nove mesi del 2019 ha registrato 6.450.837 passeggeri trasportati, in linea (-0,1%) con il risultato dello stesso periodo del 2018. Gli aeroporti toscani di Firenze e Pisa sono stati collegati con 96 destinazioni, di cui 11 nazionali e 85 internazionali (21 operate in entrambi gli scali), servite da 34 compagnie aeree (di cui 8 operanti in entrambi gli scali), 18 legacy e 16 low cost. In crescita (+12,9%) il traffico cargo con quasi 9,6 mila tonnellate di merce e posta trasportate al 30 settembre 2019.

Nei primi nove mesi dell’anno il traffico dell’aeroporto di Pisa (4.255.589 passeggeri trasportati) registra una flessione dell’1,9% rispetto allo stesso periodo del 2018, principalmente riconducibile all’andamento dei movimenti dei voli commerciali (-1,8%). "L’incremento della capacità su Monaco di Baviera (AirDolomiti/Lufthansa), Tirana (FlyErnest e Albawings) e il nuovo volo su Casablanca (Air Arabia) - si legge nel documento - ha compensato in buona parte la riduzione di operatività da parte di Ryanair, la sospensione del volo su San Pietroburgo e la riduzione dei voli per Mosca (Pobeda Airlines). I principali mercati per il Galilei risultano essere, dopo quello nazionale (25,1%), quello britannico (21,4% del totale), spagnolo (9,8% del totale) e tedesco (7,1% del totale). Con 9.401 tonnellate di merce e posta trasportate, il traffico cargo è in aumento del 13,6% rispetto allo stesso periodo del 2018".

In crescita Firenze, con 2.195.248 passeggeri transitati nei primi nove mesi del 2019; traffico passeggeri è in aumento del +3,4% rispetto allo stesso periodo del 2018. Tale risultato è stato ottenuto nonostante siano stati dirottati/cancellati 588 movimenti per una perdita stimata di circa 60mila passeggeri. Di questi, 284 sono stati dirottati/cancellati per avverse condizioni meteo "a testimonianza - scrive il bilancio di Toscana Aeroporti - dell’inadeguatezza dell’infrastruttura fiorentina. Al netto della perdita stimata di passeggeri, il traffico dello scalo aeroportuale di Firenze avrebbe registrato una crescita del traffico passeggeri del +6,2%".

Il conto per il traffico passeggeri considerando solo il terzo trimestre 2019 vede il Sistema Aeroportuale Toscano, con 2,7 milioni di passeggeri, in flessione dell’1,1%, derivato dalla diminuzione del traffico passeggeri del 3% del Galilei di Pisa e dall’aumento del 3% da parte del Vespucci di Firenze.

Ricavi operativi si attestano a 90,5 milioni di euro in crescita del 4,6% rispetto ai primi nove mesi del 2018. In aumento sia i ricavi Aviation (+2%) che quelli Non Aviation (+8,3%). Il Risultato netto di periodo del Gruppo si attesta a 12,3 milioni di euro rispetto ai 13 milioni di euro del 30 settembre 2018. Al netto degli eventi straordinari registrati nei primi nove mesi del 2018 e del 2019 e del relativo carico fiscale, il Risultato netto di periodo è in crescita del 5,5%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Corso Italia: inaugurato il nuovo negozio Dan John

  • Pisamo assume due persone a tempo indeterminato: i dettagli della selezione

  • Sai quanti punti hai sulla patente? Le istruzioni per verificare il saldo

  • Al Cep l'ultimo saluto alla giovane morta al rave party

  • I consigli per pulire i termosifoni e farli funzionare meglio

  • Rebeldia, Unione Inquilini e Diritti in Comune contro Airbnb: "Affare milionario che svuota la città"

Torna su
PisaToday è in caricamento