Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Trasporto pubblico, Pisa diventa una metropoli: un'unica, grande, area

La Regione ha dato parere favorevole alla creazione di una rete unica di trasporto pubblico sul territorio pisano: il nuovo piano entrerà in funzione a partire dal 2013

Una rete del trasporto pubblico unica per tutta l’area pisana. Dalle parole ai fatti. Sì, perchè dopo il benestare preventivo dell’amministrazione provinciale e quelli della conferenza dei sindaci e del consiglio comunale di Palazzo Gambacorti, anche la Regione ha dato il tanto atteso ok, stanziando anche risorse aggiuntive rispetto a quelle già stanziate per Pisa e comuni limitrofi pari a 9,2 milioni di euro, una cifra sufficiente per arrivare ai 12,1 milioni necessari ad assicurare la piena copertura del piano dell’urbano dell’area pisana. Il piano diverrà operativo dal 2013 e le novità saranno significative.

"Nell’area pisana non solo non sarà tagliata alcuna tratta, ma anzi il servizio pubblico sarà ulteriormente rafforzato - ha sottolineato l’assessore alla mobilità David Gay - visto che realizzeremo la quarta Lam cittadina, quella che collegherà San Rossore con Cisanello passando per Piazza del Duomo e la Stazione e introdurremo cinque nuove percorrenze fra Pisa e i comuni limitrofi che, ovviamente, dal prossimo anno saranno considerate linee urbane dato che, proprio grazie al piano, tutta l’area pisana diventerà un’unica area urbana da 200mila abitanti". Una scelta fortemente voluta dai sei comuni (Pisa, Calci, Cascina, San Giuliano Terme, Vecchiano e Vicopisano) e dall’amministrazione provinciale, che farà dell’area pisana l’unica realtà della Toscana, insieme a Firenze, dotata di una rete del trasporto pubblico di dimensioni metropolitane.

IL NUOVO SERVIZIO DELL'AREA PISANA

Linea LAM Stazione San Rossore-Piazza Miracoli-Cisanello: è finalizzata a migliorare l’interscambio con il servizio ferroviario Pisa-La Spezia e con le linee radiali urbane provenienti da nord per raggiungere il polo ospedaliero di Cisanello, collega inoltre direttamente altri importanti poli attrattori della cintura urbana in particolare i centri universitari di via Buonarroti, via Moruzzi e l’area Cnr. La frequenza media delle corse nel giorno feriale tipo è 10 min. al mattino e 20 min. nel pomeriggio.

Linea A Filettole-Vecchiano-Madonna dell’Acqua-Pisa: collega il comune di Vecchiano con Pisa attestandosi sul nodo di interscambio di Piazza dei Miracoli con le linee Lam Rossa Duomo-Stazione e la nuova Lam Stazione San Rossore-Piazza dei Miracoli-Ospedale Cisanello. Le corse scolastiche della linea non prevedono interscambio ma servono direttamente i poli scolastici. La frequenza media delle corse nel giorno feriale tipo è 30 minuti.

Linea B Ripafratta-Rigoli-San Giuliano Terme-Pisa: collega il comune di San Giuliano Terme con Pisa via Gello. La frequenza media delle corse nel giorno feriale tipo è 30 minuti.

Linea C Calci-Mezzana-Pisa: collega il comune di Calci con Pisa attestandosi sul nodo di interscambio del polo ospedaliero di Cisanello servito dalle linee Lam Blu, 13, 14 e la nuova Lam Cascina-Pisa. Le corse scolastiche della linea non prevedono interscambio ma servono direttamente i poli scolastici. La frequenza media delle corse nel giorno feriale tipo è 30 min.

Linea D Vicopisano-Uliveto-Mezzana-Pisa: collega il comune di Vicopisano con Pisa attestandosi sul nodo di interscambio del polo ospedaliero di Cisanello servito dalle linee: Lam Blu, 13, 14 e la nuova Lam Cascina-Pisa. Le corse scolastiche della linea non prevedono interscambio ma servono direttamente i poli scolastici. La frequenza media delle corse nel giorno feriale tipo è 40 min.

Linea E (ex 190) Cascina-Pisa: collega il comune di Cascina con Pisa sostituendo la linea 190 Pontedera-Fornacette-Cascina-Pisa che viene pertanto divisa in due relazioni: Cascina-Pisa e Fornacette-Pontedera. La frequenza media delle corse nel giorno feriale tipo è 10 min. al mattino e 15 min. nel pomeriggio.

Servizio adduzione Calci: è finalizzato a collegare i centri maggiori pedemontani di Castelmaggiore e Montemagno al capoluogo, alla linea urbana C (Calci-Mezzana-Pisa) e ai presidi sanitari. Il servizio si effettua con autovettura e/o minibus.

Servizio adduzione Cascina: è finalizzato prevalentemente a collegare il centro urbano di Zambra e altri centri periferici alla direttrice servita dalla linea urbana E Cascina-Pisa.

Servizio adduzione San Giuliano Terme: è finalizzato a collegare il centro urbano di Pontasserchio e altri centri urbani del lungomonte al capoluogo e alla linea urbana B (Ripafratta-Rigoli-San Giuliano Terme-Pisa).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto pubblico, Pisa diventa una metropoli: un'unica, grande, area

PisaToday è in caricamento