Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Trasporto sociale: per le richieste c'è tempo fino al 6 giugno

Il servizio per disabili interessa circa 200 persone e risponde alle necessità della vita di tutti i giorni. I termini per presentare richiesta per l'anno 2014/2015 sono aperti. Le tariffe vanno in base all'ISEE, è gratis per redditi bassi

Pulmini e altri mezzi messi a disposizione dei portatori di handicap per raggiungere, a seconda delle necessità di ognuno, il posto di lavoro, la scuola superiore e dell’obbligo o uno dei centri diurni. Dal 12 maggio fino al 6 giugno 2014 sarà possibile presentare e/o rinnovare la domanda per l’anno 2014/2015. Sono interessate le persone con disabilità residenti nei Comuni di Pisa, San Giuliano Terme, Cascina, Calci, Fauglia e Vecchiano. Nel 2013/2014 nell’area pisana 196 persone hanno usufruito del servizio di trasporto sociale, cifra pari a tutti i richiedenti esclusi 2 casi che hanno poi rinunciato al servizio.

Nello specifico possono accedere al servizio i portatori di disabilità fisico-motorie o con cecità gravi, disabilità valutate uguali o superiori al 74% oppure disabilità inferiori al 74% in caso di reddito basso o se si tratta di persone sole. Si accede in base a specifica graduatoria fino a concorrenza dei posti disponibili sui vari pulmini attrezzati, messi in parte a disposizione dalle associazioni di volontariato del territorio che assicurano l’attuazione del servizio.

Il contributo dell’utente va in base al reddito: dalla gratuità per gli utenti con ISEE inferiore a 7.445,60 ad un massimo di 206,80 euro per ISEE oltre 36.151,99.  Il modulo è scaricabile dal sito della Società della Salute pisana oppure reperibile presso i Punti Insieme, l’Urp del Comune di Pisa o presso l’Ufficio Trasporti della Società della Salute di Via Saragat, 24. Sandra Capuzzi, presidente della SdS: "E' un servizio che rappresenta un forte aiuto per le fasce sociali più deboli. Anche per quest'anno mantenute le stesse risorse impegnate negli anni precedenti". "Grazie alle gestione associata tra i Comuni – spiega il direttore Giuseppe Cecchi – riusciamo a garantire, a parità di risorse, lo stesso servizio per più persone".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto sociale: per le richieste c'è tempo fino al 6 giugno

PisaToday è in caricamento