menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Litorale, Confesercenti: "Troppi cantieri avviati insieme, penalizzate le attività commerciali"

L'associazione di categoria all'Amministrazione comunale: "Si permetta accesso e sosta nei tratti che collegano via Maiorca a via Crosio e la piazza al lungomare"

Permettere l’accesso e la sosta nei tratti che collegano via Maiorca a via Crosio e la piazza al lungomare. Oltre a ripristinare il parcheggio nel tratto aperto alle auto per raggiungere via Ivizza e via Minorca. E' quanto chiede all'Amministrazione Comunale Confesercenti, con il suo presidente Litorale Alessandro Cordoni. Secondo Cordoni la riqualificazione di Piazza delle Baleari "è sicuramente importante sempre nell’ottica di dare una immagine migliore per chi arriva sul nostro litorale (adesso attendiamo anche l’intervento alla prima rotonda del porto). Ma il cantiere ha creato disagio ad alcune attività di somministrazione".

Secondo l'associazione di categoria sono inoltre "troppi i lavori sul litorale con evidenti ripercussioni sulle attività commerciali". Da qui l'invito "ad evitare in futuro una simile concentrazione di cantieri che sta martoriando soprattutto Marina. Siamo convinti che gli interventi fossero necessari per l’inizio della tanto attesa riqualificazione del nostro litorale. Purtroppo si sono accavallati altri interventi che hanno contribuito a penalizzare attività commerciali già alla prese con una situazione senza precedenti a causa del Coronavirus. Basta citare la spianatura delle spiagge di ghiaia, ancora un volta in piena stagione estiva, ma anche i lavori di Acque in via Moriconi fino alla rotatoria di San Piero. Per quest’ultima siamo sicuramente convinti che si tratta di un intervento atteso da anni per migliorare una delle porte di accesso al litorale. Ma forse, proprio per l’emergenza Coronavirus, si poteva pensare a posticipare l’intervento a settembre".

Per quanto riguarda le spiagge di ghiaia "prima del lockdown ci eravamo mossi per evitare i lavori in estate sollecitando Regione e Comune ad anticipare l’intervento. Ancora una volta la burocrazia ha avuto la meglio, spostando le ruspe in pieno luglio. Ci impegneremo affinchè sia l’ultima volta che questo accade”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Dolci regionali, la ricetta dei cantucci toscani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento