Cronaca Pomarance

Truffa on line, compra un pezzo di ricambio per la moto ma non arriva: denunciata una coppia

Un 40enne di Pomarance acquista su subito.it un pezzo di ricambio per la sua moto ma l'inserzionista sparisce e non spedisce il pezzo. I Carabinieri di Pomarance riescono a risalire ai truffatori: una coppia di cagliaritani con precedenti specifici

Truffa a mezzo internet, vittima un impiegato 40enne di Pomarance. L'uomo, intorno alla metà di marzo, voleva acquistare un pezzo di ricambio per il suo motorino. Su subito.it trova un'offerta che sembra veramente vantaggiosa: una pompa frizione al prezzo di 110 euro. Una volta contattato il venditore la transazione si è risolta in breve tempo, con una ricarica postepay. Poi i problemi: il pezzo del motorino non è arrivato e il venditore ha fatto perdere le sue tracce. Così è partita la denuncia ai Carabinieri di Pomarance, che dopo un mese di indagine sono riusciti a risalite all'identità dei truffatori. Sono così stati denunciati in stato di libertà, per il reato di truffa in concorso, una coppia di conviventi cagliaritani, entrambi quarantenni e con precedenti specifici.

"L’episodio dimostra - dicono i Carabinieri di Pomarance - dimostra ancora una volta le insidie che si nascondono dietro gli acquisti online. Bisogna essere estremamente prudenti quando si decide di fare queste transazioni non facendosi abbagliare dal miraggio dell’affare, acquistare solo su siti conosciuti e che forniscano garanzie sui pagamenti. Bisogna poi verificare l’attendibilità del venditore anche attraverso eventuali feedback e commenti e, al momento del pagamento, controllare che la pagina abbia un Url che inizi con https e che compaia il simbolo di un lucchetto nella barra degli indirizzi o nella barra di stato in modo tale chele informazioni sul browser durante la fase di pagamento vengano criptate. Per i pagamenti è bene utilizzare solamente carte ricaricabili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa on line, compra un pezzo di ricambio per la moto ma non arriva: denunciata una coppia

PisaToday è in caricamento