Truffa su internet: acquista una PlayStation 4 e non gli viene mai spedita, trovati i due responsabili

La denuncia è stata raccolta dai Carabinieri di Riparbella lo scorso mese di ottobre. A seguito delle indagini sulla postepay utilizzata per il pagamento i militari hanno raggiunto i responsabili, un ragazzo ed una ragazza ventenni di Pescara

Tutto nel più classico dei modi: annuncio su sito di vendite private, in questo caso subito.it, e prezzo molto vantaggioso; buona fede per chi compra e soldi persi. La truffa a mezzo internet è avvenuta ai danni di un 35enne di Castellina Marittima, che lo scorso mese di ottobre si è rivolto ai Carabinieri di Riparbella per sporgere denuncia. L'uomo aveva risposto ad una offerta di 250 euro per una PlayStation 4, che nei negozi si trova al doppio del prezzo. Ingolosito dal risparmio l'acquirente ha contattato gli inserzionisti, che ben lieti hanno concluso l'accordo facendosi mandare prima i soldi tramite ricarica postepay. Risultato: console mai spedita e venditori scomparsi.

Partendo dalla carta ricaricabile i Carabinieri sono risaliti al titolare della tessera, riuscendo ad individuare i presunti responsabili che sono stati quindi deferiti in stato di liberta per il reato di truffa. Sarebbero una ragazza 24enne ed un ragazzo 22enne di Pescara. Tanti di questi episodi accadono e non è facile recuperare le somme perdute in questo modo. Per questo i militari consigliano di essere sempre prudenti quando si decide di fare queste transazioni, non facendosi abbagliare dal miraggio dell'affare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da seguire delle semplici precauzioni per ridurre al minimo i rischi: acquistare solo su siti conosciuti e che forniscono garanzie sui pagamenti, verificare l’attendibilità del venditore anche attraverso eventuali feedback e commenti, al momento del pagamento controllare che la pagina abbia un URL che inizi con https e che compaia il simbolo di un lucchetto nella barra degli indirizzi o nella barra di stato, in modo tale che le informazioni sul browser durante la fase di pagamento vengano criptate, per i pagamenti utilizzare solamente carte ricaricabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

  • Pratale-Don Bosco: muore in casa a 37 anni

Torna su
PisaToday è in caricamento