Riparbella, acquistano materiale informatico a prezzi stracciati: truffati

Tre amici hanno pagato la merce di ultima generazione ad un loro conoscente che dopo aver ricevuto il denaro si è mostrato sempre più evasivo sulla consegna del materiale, fino a non rispondere più alle telefonate. L'uomo è stato denunciato

Scoperta dai Carabinieri della Stazione di Riparbella una truffa consistente nella falsa vendita di materiale informatico. Ai primi di dicembre dello scorso anno tre amici residenti a Cecina si sono recati presso la Stazione Carabinieri ed hanno denunciato che alcune settimane prima avevano subito una truffa. In particolare raccontavano come si fossero lasciati convincere da un altro loro amico che gli aveva promesso la vendita di materiale informatico di ultima generazione a prezzi estremamente vantaggiosi (2.800 euro). Gli amici avevano accettato entusiasti l’idea, dato il prezzo conveniente, ed in considerazione del fatto che il venditore, un uomo di 50 anni residente a Lecce, era un esperto del settore, in quanto progettista informatico. Pertanto gli avevano versato in tre riprese la somma richiesta.

A questo punto sono iniziati i problemi, infatti il 50enne è diventato sempre più evasivo sui tempi di consegna della merce, poi ha iniziato ad accampare le scuse più disparate, infine non ha più risposto alle telefonate. Pertanto, anche se a malincuore, i tre amici si sono rivolti ai militari dell’Arma che, dopo aver meticolosamente accertato i fatti, lo hanno deferito in stato di libertà per il reato di truffa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • Coronavirus: al via i tamponi in auto, come i 'pit stop'

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Coronavirus: 196 nuovi casi in Toscana, il dato più basso dall'inizio dell'epidemia

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

Torna su
PisaToday è in caricamento