Cronaca

Turismo, caccia ai tesori di Pisa: la visita della città si fa con un'app

Si chiama 'Pisa Urban Treasure Hunt' l'applicazione su Apple Store e Android che permette agli utenti di fare visite guidate della città in modo interattivo e divertente. Possibili sviluppi anche per scuole o monumenti particolari

E' stata presentata ieri all'Ufficio turistico in Piazza del Duomo 'Pisa Urban Treasure Hunt', l'applicazione mobile disponibile su Apple Store ed Android che consente di fare un tour guidato andando alla caccia dei tesori artistici della città.

La Duomo7 ha ideato la parte del percorso e la redazione dei contenuti in collaborazione con la start up Visual Engines, fondata dai ricercatori dell'Isti-Cnr di Pisa, e da Inera, società facente parte di Duomo7 che gestisce il progetto 'Walking in the City'. 

L'APP. Il gioco consiste in sfide di riconoscimento di determinati luoghi o monumenti significativi del patrimonio artistico di Pisa, portando i turisti e i cittadini a scoprire aspetti della città inediti e stimolanti. Il gioco è caratterizzato da un percorso a tappe, ciascuna delle quali è costituita da prove da superare per acquisire punti e accedere alla tappa successiva. Utilizzando la tecnologia di riconoscimento visuale basta quindi inquadrare con la fotocamera dello smartphone gli oggetti della caccia al tesoro per innescare le varie fasi della guida.

IL PERCORSO. Il percorso parte da Piazza del Duomo e scende fino al Lungarno passando per Piazza dei Cavalieri, Piazza Martiri della Libertà, via San Frediano e la zona di Santa Maria Sud. "Con la Caccia vogliamo fornire un nuovo strumento di visita interattiva - spiega Andrea Pini, amministratore di Visual Engines e Duomo7 - a tutti coloro che vogliono scoprire anche gli angoli e le attrazioni più nascoste della città, imparandone la storia e le caratteristiche".

"Questo ulteriore servizio - prosegue Pini - si aggiunge a quelli già sviluppati presso il nostro Ufficio turistico che punta ad essere un vero e proprio centro servizi dedicati al turista e non solo: un obiettivo chiave della nostra gestione è anche quello di sviluppare e approfondire il rapporto con importanti soggetti territoriali quali l'Università, le scuole, le associazioni sportive, per offrire loro servizi ad hoc per vivere al meglio la città".

SVILUPPI. Per la primavera 2016 è prevista un'ulteriore novità: l'introduzione di domande sui totem touch multimediali. Oltre alle prove di riconoscimento visuale verranno infatti aggiunte delle tappe presso i totem del centro città dove verranno sottoposti dei quiz tematici ai giocatori inerenti il patrimonio culturale e artistico, l'enogastronomia, le eccellenze territoriali, le peculiarità del territorio e non solo.

L’applicazione può essere inoltre declinata per un pubblico scolastico fornendo così alle scuole un nuovo strumento didattico per i visitatori più giovani. Si possono inoltre pensare percorsi di caccia al tesoro interni ai musei, chiese, palazzi o specifiche vie o piazze. 

Il vicesindaco e assessore al turismo Paolo Ghezzi: "Il punto informativo del Duomo sta incrementando le proprie attività e i propri servizi al turista, rendendo sostenibile la gestione del progetto Pisa Walking in the city, senza investimenti correnti da parte dell'amministrazione. Cresce il numero dei fruitori del punto informativo e quello di chi utilizza i totem multimediali e, quindi, in prospettiva non possiamo che augurarci un ulteriore incremento degli investimenti in ambito turistico".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, caccia ai tesori di Pisa: la visita della città si fa con un'app

PisaToday è in caricamento