rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Lari

Lari, in gabbia upupe, usignoli e uccelli esotici, arrestato pensionato

L'operazione è stata condotta dai Carabinieri e dalla Polizia Provinciale. La DAV: "E' un commercio in crescita che deve essere stroncato, non abbandonate gli animali prima della partenza per le vacanze"

E' stato sorpreso nelle campagne di Lari con trenta esemplari di uccelli catturati impropriamente e destinati ad un commercio sempre più in espansione. Per questo un pensionato è stato arrestato nei giorni scorsi dai Carabinieri in collaborazione con le unità di Polizia Provinciale. 

Animali e affari. Un connubio che quasi sempre vede povere creature trattate alla stregua di oggetti, materiale di scambio fra persone senza scrupoli che non usano la minima attenzione alle loro esigenze, provocando molto spesso vittime. Stavolta, nel larigiano, è toccato ad upupe, usignoli ma anche alcuni esemplari esotici, entrati a far parte di un mercato florido, da milioni di euro, che non conosce crisi.

"Questo tipo di commercio è in espansione e, quando scoperto, innesca un'infinità di problemi per la re-immissione degli animali nei rispettivi habitat - spiega il presidente dell'associazione Dav - Difesa Ambiente Animali e Vita, Alessio Giani - siamo sicuri che la Lega Italiana Protezione Uccelli di Pisa ridurrà al minimo queste problematiche con grande competenza e con la stessa professionalità per la quale ringraziamo le forze dell'ordine, che, anche in questa occasione, si sono rivelate un fondamentale strumento atto a stroncare un ignobile fenomeno".

"A tutto questo - sottolinea Giani - come associazione, aggiungiamo un ulteriore monito a difesa dei nostri amici animali che, con l'avvicinarsi delle vacanze estive, rischiano di cadere vittima della voglia di evasione e di libertà. Un desiderio che non può e non deve giustificare l'abbandono di tanti cani e gatti che si ritrovano così da soli per strada, rappresentando una vera e propria vergogna per la società civile, nonché un pericolo reale per tanti automobilisti".

La raccomandazione della Dav è quella di evitare l'abbandono, ma di collocare gli animali in apposite strutture idonee prima di partire per le ferie. Nel caso in cui i cittadini non sapessero a chi rivolgersi per avere informazioni, possono contattare le associazioni animaliste del territorio (Dav 366/2403523) che potranno fornire alcune indicazioni in merito. 

"L'invito infine che estendiamo alla cittadinanza - conclude il presidente Alessio Giani - è quello di un sostegno concreto alle varie strutture di accoglienza gestite da volontari, spesso a corto di alimenti e personale". 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lari, in gabbia upupe, usignoli e uccelli esotici, arrestato pensionato

PisaToday è in caricamento