Inceneritore di Ospedaletto: "Si facciano i dovuti approfondimenti"

Il gruppo Ucic-Prc interviene sui risultati dell'indagine epidemiologica realizzata dal Cnr e chiede di installare nuovi strumenti di misura della qualità dell'aria

"Basta con la strategia dello struzzo, la realtà va conosciuta senza omissioni per poter amministrare nell’interesse pubblico". Il gruppo Ucic-Prc commenta così i risultati emersi dall'indagine sul rapporto inquinamento-salute nel comune di Pisa, in cui emergono pesanti criticità per la zona a ridosso dell'inceneritore di Ospedaletto, e chiede studi più approfonditi.

"Cinque anni fa in campagna elettorale - esordisce Ucic-Prc - eravamo gli unici a chiedere la chiusura dell’inceneritore dei Ospedaletto. Oggi invece, a seguito della pubblicazione dei risultati dell’indagine epidemiologica realizzata dal Cnr, da più parti giunge la stessa richiesta. Questo non può farci che piacere, a maggior ragione perché l’indagine è stata realizzata a seguito dell’approvazione di una nostra mozione che impegnava il Sindaco e la Giunta a commissionarla. L’indagine ci conferma che alcune delle preoccupazioni che in tanti, associazioni e comitati, hanno sempre sollevato, avevano fondamento e che la richiesta dei cittadini di installare nuovi strumenti di misura della qualità dell'aria - le famose centraline di Porta a Mare e Oratoio, tuttora rimaste lettera morta - è sacrosanta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ucic-Prc chiede quindi studi più approfonditi. "La richiesta forte e chiara - conclude Ucic-Prc - che vogliamo fare in questo momento è che si approfondiscano tutte le criticità emerse, con studi delle condizioni ambientali, dell’inquinamento dei terreni, dei valori di esposizione in base al luogo di lavoro e non solo di residenza. Basta alla strategia dello struzzo, la realtà va conosciuta senza omissioni per poter amministrare nell’interesse pubblico. Noi ci impegnamo a realizzare tutto questo quando da maggio amministreremo la città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 28 anni in un incidente in moto in autostrada

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Minore scomparso a Calambrone: 15enne ritrovato

  • Elezioni Regionali: Matteo Salvini al Bagno Mary a Tirrenia

  • Coronavirus in Toscana, 10 nuovi casi: 3 in più nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento