'Un'altra strada è possibile': corsa podistica per dire no alla tratta di esseri umani

L'iniziativa lanciata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII torna a passare da via Traversagna a Vecchiano

Una corsa podistica nei luoghi della prostituzione in Toscana per dire no alla tratta degli essere umani, spesso giovani ragazze, anche minorenni. L'iniziativa è della Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi e si svolgerà sabato 4 maggio. Sarà una staffetta di 120 chilometri, ininterrotta per circa 23 ore, su strade urbane ed extraurbane con partenza dal centro di Firenze e arrivo a Viareggio, passando per Campi Bisenzio, Prato, Agliana, Montecatini Terme, Altopascio, Lucca, Vecchiano.

L'evento si chiama 'Un'altra strada è possibile' e per la quarta edizione passerà da via Traversagna, intorno alle 15 del pomeriggio. Saranno presenti all'evento anche il sindaco di Vecchiano Massimiliano Angori e l'Assessora alle Pari Opportunità Lara Biondi per accogliere i partecipanti alla marcia e sottolineare l'importanza sempre più stringente di mettere in campo, ad ogni livello istituzionale, azioni concrete di liberazione per le vittime di tratta e prostituzione.

Potrebbe interessarti

  • Le curiosità dei nostri amici pelosi: 5 cose che non tutti sanno sui gatti

  • Falsi amici a tavola: 7 alimenti che non fanno dimagrire

  • Ragnetti rossi: cosa sono e come proteggere la casa dalla loro presenza

  • Stop al fumo: trucchi e consigli per riuscire a dire addio alle sigarette

I più letti della settimana

  • Tirrenia, malore mentre è in mare: muore 81enne

  • Via Sesia: fiamme in un appartamento

  • Si sente male sul patino a Marina di Vecchiano: muore 49enne

  • Rischia la paralisi dopo un tuffo: 16enne ricoverato a Cisanello

  • Santa Maria a Monte, con la bici contro un'auto: morto

  • Pioggia e temporali in Toscana: scatta l'allerta

Torna su
PisaToday è in caricamento