Una ciclabile per riqualificare via Cattaneo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

La decisione del Comune di Pisa di riaprire al doppio senso di circolazione la via Cattaneo dopo ventitré anni è retrograda: non farà che incrementare il traffico che opprime la via, aumentando così ulteriormente il degrado. Si tratta di una decisione estemporanea ed incoerente, dalla genesi non trasparente: non solo questa proposta non è mai stata presentata ai tavoli partecipativi del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) che si sono tenuti solo pochi mesi fa, ma è addirittura in aperta contraddizione con gli stessi obiettivi enunciati nel PUMS. Infatti questo provvedimento riduce lo spazio destinato al trasporto pubblico a vantaggio esclusivo del traffico privato. Ovviamente via Cattaneo deve essere riqualificata, ma per ottenere un risultato positivo è necessario muoversi in direzione diametralmente opposta. Bisogna infatti dare maggiore spazio alla mobilità sostenibile: solo così è possibile ridurre il traffico ed arginare il degrado. La cosa più urgente da fare è realizzare un'ampia pista ciclabile in sede protetta: lo spazio non manca, e se ne gioverebbero la salute e l’economia, come dimostrano le esperienze del resto del mondo moderno. Questo periodo è certamente propizio per una sperimentazione, approfittiamone quindi per fare spazio ad una nuova ampia pista ciclabile: in questo modo, terminata la lunga stagione di lockdown, il quartiere potrà davvero ripartire col piede giusto.

Torna su
PisaToday è in caricamento