Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Ponte delle Bocchette

Uomo scomparso, analisi il giorno prima: soffriva di un'ischemia

Il 46enne viterbese aveva effettuato il giorno prima della scomparsa una tac all'ospedale Cisanello dove era ricoverata la moglie. L'ultimo a parlare con lui al cellulare era stato il suocero intorno alle 12 di venerdì

Il giorno prima della scomparsa aveva fatto una tac all'ospedale di Cisanello perchè accusava forti dolori alla testa e debolezza alle gambe: l'analisi aveva evidenziato un principio di ischemia. A rivelarlo il prefetto Francesco Tagliente che coordina le ricerche del 46enne della provincia di Viterbo, scomparso dal primo pomeriggio di venerdì dopo aver fatto visita alla moglie ricoverata nello stesso ospedale pisano. Nonostante la contrarietà dei sanitari l'uomo aveva voluto firmare le dimissioni e aveva lasciato l'ospedale. La sua auto è stata ritrovata parcheggiata in una piazzola sul Ponte delle Bocchette e le ricerche dei sommozzatori dei Vigili del Fuoco si concentrano proprio nel fiume Arno.


L'ultimo ad averlo visto è stata la moglie alle dieci di ieri mattina. Alle 12 circa, il suocero era riuscito a parlare sul cellulare con l'uomo ma dopo più nulla. Per tutta la giornata di ieri i Vigili del Fuoco, i Carabinieri e la Capitaneria di porto hanno setacciato il fiume Arno, le sue rive ed il tratto di mare vicino alla foce compreso le spiagge. Il prefetto Tagliente ha già avvertito la prefettura di Viterbo ed attivato il piano provinciale per la ricerca di persone scomparse. La moglie dell'uomo ha già fatto ritorno a casa. Non sembra che il 46enne avesse problemi economici: gestiva un'azienda agricola a Capalbio. (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo scomparso, analisi il giorno prima: soffriva di un'ischemia

PisaToday è in caricamento