Cronaca

Meningite C, vaccino esteso a tutta la Toscana: "E' l'unica protezione"

Entra ufficialmente in vigore la delibera della Giunta Rossi. Sul ragazzo di Ponte a Niccheri colpito seppur vaccinato, l'assessore Saccardi dice: "Il vaccino ha comunque attenuato le conseguenze"

Come già annunciato la settimana scorsa, stamani la Giunta Regionale toscana ha approvato una delibera che estende a tutto il territorio regionale la vaccinazione gratuita contro il meningococco C per i soggetti fra 20 e 45 anni: da oggi quindi la vaccinazione sarà gratuita anche a Livorno e Siena, dove finora non si sono verificati casi di meningite (a Grosseto lo era già dalla settimana scorsa, dal momento che vi si era verificato un caso).

"La mobilità delle persone all'interno della regione, e la necessità di tutelare la salute pubblica - spiega l'assessore al Diritto alla Salute Stefania Saccardi - hanno determinato questa decisione di estendere la vaccinazione gratuita fino a 45 anni in tutta la regione. Abbiamo posto il limite dei 45 anni perché gli esperti hanno individuato in questo range di età il rapporto costo/beneficio ottimale. Ma anche chi ha oltre 45 anni può farsi la vaccinazione alla Asl con la formula del copayment, pagando cioè un ticket di 58 euro. Stiamo studiando la possibilità che la rete dei medici di medicina generale ci dia una mano anche per la vaccinazione degli ultra45enni". Attualmente, gli ultra45enni possono vaccinarsi, appunto, negli ambulatori Asl, pagando il ticket di 58 euro; oppure dal proprio medico di famiglia, acquistando prima il vaccino in farmacia (costo 98 euro).

"Ci stiamo anche attivando - ha informato l'assessore Saccardi - per chiedere una mano al Ministero della Salute, anche sotto il profilo finanziario. Stiamo lavorando costantemente con l'Istituto Superiore di Sanità, per capire come mai il batterio del meningococco C colpisce in Toscana, e soprattutto lungo la valle dell'Arno". A metà febbraio partiranno le indagini epidemiologiche decise una decina di giorni fa: sia l'indagine epidemiologica che quella per la ricerca dei portatori.

Intanto sembrano migliorare le condizioni del 23enne ricoverato a Ponte a Niccheri. "Il decorso del ragazzo fa ben sperare - dice Stefania Saccardi - il vaccino che aveva fatto nel 2008, se non l'ha coperto del tutto, ha comunque attenuato le conseguenze". Spiegano gli esperti che il vaccino contro il meningococco C è efficace nel 90-95% dei casi: una piccola parte di soggetti potrebbe non rispondere alla vaccinazione. La protezione immunitaria tende a diminuire nel tempo, in alcuni individui più rapidamente rispetto ad altri. E malattie intercorrenti, anche lievi, come un semplice influenza, possono contribuire ad abbassare le difese.
"La profilassi che facciamo sempre a tutti i contatti dei casi che si verificano - spiega ancora l'assessore - funziona, perché impedisce che il batterio si propaghi. La vaccinazione, lo ripeto, resta l'unica protezione contro il meningococco C. E invito le persone a vaccinarsi, non solo quando si verifica il caso di contagio, ma costantemente".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meningite C, vaccino esteso a tutta la Toscana: "E' l'unica protezione"

PisaToday è in caricamento