Zona arancione: a Vecchiano torna il filo diretto coi soggetti fragili e i positivi al Covid19

Il sindaco Massimiliano Angori: "A giorni parte la distribuzione delle mascherine: elaborato un sistema di verifica di consegna per ciascun nucleo familiare"

Vecchiano si prepara alle restrizioni della zona arancio con una serie di iniziative messe in campo dall’Amministrazione Comunale. "A supporto alle attività commerciali - afferma il sindaco Massimiliano Angori - abbiamo già attivato nelle scorse settimane una campagna di comunicazione che ricorda alla cittadinanza quali siano i negozi di vicinato che effettuano la consegna a domicilio o da asporto. Adesso stiamo predisponendo nuovamente un servizio di sostegno ai cittadini che hanno necessità, pensato essenzialmente per i soggetti fragili e i malati di Covid19 con un filo diretto: è infatti possibile rivolgersi telefonando al numero 3351326181 per la consegna della spesa a domicilio o la distribuzione di farmaci e generi di prima necessità; tutto questo grazie al preziosissimo supporto delle nostre associazioni di volontariato locale. Inoltre riattiviamo anche il servizio prestito della Biblioteca Comunale. Entro questa settimana avvieremo anche la distribuzione delle mascherine della Regione che saranno consegnate ai cittadini".

Angori ricorda inoltre come "sin dalle prime fasi della pandemia ho attivato un vero e proprio filo diretto coi cittadini affetti da Covid19. Il flusso si era interrotto di recente, quando la Azienda Asl, per alcuni giorni non aveva potuto trasmetterci puntualmente i nominativi dei positivi a causa del forte aumento dei contagi, ma adesso è ripreso. La Società della Salute si è organizzata per supportare tutte le situazioni di fragilità delle persone con positività da Covid 19 con azioni di sostegno anche telefonico e supporto ai bisogni socio assistenziali di prima necessità, e ha posto in essere tutte le misure necessarie per supportare i servizi già esistenti".

Il primo cittadino sottolinea infine, che presso il Comune di Vecchiano "è attivo, su appuntamento, un Centro di Ascolto Antiviolenza coordinato dalla Casa della Donna.  Coloro che lo necessitano possono chiamare 24h/24 il telefono dell'associazione (050 561628, ndr) e un'operatrice andrà ad incontrare le vittime di violenza a Vecchiano o nella sede ritenuta più idonea. Il Centro assicura la piena tutela delle donne, in particolare: il rispetto della privacy, la garanzia di anonimato e riservatezza, l’avvio di azioni che riguardano la donna solo dopo il suo consenso, la negoziazione del percorso di uscita dalla violenza in un continuo processo di reciprocità tra operatrici e donna. Tutti i dettagli sul sito web della Casa della Donna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento