Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Vendita Toscana Aeroporti Handling: sciopero e presidio al Galilei

Manifestazione davanti lo scalo pisano, oltre l'astensione dal lavoro di 4 ore dalle 11 alle 15

La vertenza sulla vendita di Toscana Aeroporti Handling è arriva oggi, 15 maggio, come annunciato dai sindacati, allo sciopero di 4 ore (dalle 11 alle 15) con un presidio presso lo scalo Galilei. Le sigle Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil Trasport, Ugl, Usb, con la partecipazione anche di Cub, hanno ribadito il loro no alla decisione centrale di Toscana Aeroporti e tutte le preoccupazioni sul fronte occupazionale per i circa 450 lavoratori coinvolti, fra dipendenti del servizio e lavoratori degli appalti.

"Le organizzazioni sindacali, unitariamente, evidenziano, ancora una volta, la contrarietà all'operazione di vendita della società di handling da parte di Toscana aeroporti e le preoccupazioni che alloggiano negli animi dei lavoratori sul loro futuro" dice la Cgil di Pisa in una nota. "In un momento in cui manca il lavoro e certezze e prospettive chiare sulla ripartenza del settore, questa operazione offre solo un salto nel buio - prosegue il sindacato - che genera paura e tensione e non possiamo che ribadire la nostra posizione di contrarietà e la nostra determinazione a difendere i posti di lavoro, i diritti e le condizioni di lavoro di tutti coloro, lavoratori dipendenti dalle società aeroportuali e lavoratori delle ditte in appalto, che in questi anni si sono spesi per la crescita e lo sviluppo degli aeroporti di Firenze e Pisa".

Il Segretario Generale Uiltrasporti Toscana Michele Panzieri: "E' il primo sciopero questo, che arriva dopo altre 10 manifestazioni. Stiamo ancora aspettando la convocazione da parte della Regione Toscana e del presidente per un tavolo di confronto, dove fare sede anche Toscana Aeroporti. Ad oggi la situazione è ancora di stallo, pertanto siano intenzionati a proseguire nella vertenza, contro una scelta sbagliata nel modo e soprattutto nei tempi. La politica, le istituzioni, il sindacato, tutti, in questo momento, devono pensare solamente alla ripartenza del Paese, a far ripartire anche il settore aeroportuale che è stato uno dei primi a chiudere e sarà uno degli ultimi a riaprire. Quando tutto sarà passato e i volumi di traffico tornati a quelli pre Covid ci saranno altre valutazioni, ma in questo momento la vendita della società è una cosa che noi osteggiamo. Chiediamo il ritiro della vendita". 

Federico Giusti per Cub: "I lavoratori degli appalti hanno aderito a questa giornata di mobilitazione contro la vendita di Toscana Aeroporti Handling, ma anche contro questo vergognoso silenzio circa la trattativa portata avanti, senza coinvoglere la cittadinanza e con l'opposizione dei soci pubblici. Crediamo si debba scongiurare qualnque licenziamento nel settore aeroportuale, bisogna arrivare al 2022 attraverso gli ammortizzatori sociali quando a marzo ripartirà quasi il 90% del traffico aereo. Dobbiamo evitare di riscrivere gli appalti, perché ogni riscrittura, con l'attuale numero dei voli, sancirebbe con l'arrivo di licenziamenti collettivi perdita di posti di lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendita Toscana Aeroporti Handling: sciopero e presidio al Galilei

PisaToday è in caricamento