Lavoratori senza due mesi di stipendio: "Appalto in scadenza, incertezza sul futuro"

E' il Sindacato Generale di Base a denunciare la situazione: lavoratori pronti ad aprire lo stato di agitazione

Lavoratori della ditta L.A. Service sul piede di guerra a causa di ritardi nei pagamenti. A denunciare la situazione è il Sindacato Generale di Base che ha inviato una lettera alla stessa azienda, che svolge alcuni servizi pubblici per conto del Comune di Pisa, alla stessa amministrazione comunale e alla Prefettura.

"I lavoratori della ditta L.A. Service srls on hannno ricevuto lo stipendio del mese di giugno 2020 e non riceveranno neppure lo stipendio relativo al mese di luglio la cui scadenza è prevista tra il 10 ed il 15 di agosto - scrivono dal sindacato - l'azienda accampa difficoltà dovute ai ritardati pagamenti da parte del committente Comune di Pisa. In realtà i ritardi nei pagamenti degli stipendi sono da sempre una prassi da parte della L.A. Service, oggi però si tratta di stipendi saltati e la situazione è diventata insostenibile per trarre dal proprio lavoro il sostentamento per se' e per le loro famiglie". "La situazione - prosegue il sindacato - appare ancor più problematica se si considera il fatto che alla fine del mese di agosto scade il contratto di appalto e che i lavoratori potrebbero trovarsi ancora più in difficoltà a recuperare le loro spettanze. Per questi motivi i lavoratori sono determinati ad aprire lo stato di agitazione nei confronti dell'azienda non essendo più disponibili a lavorare senza alcuna certezza e chiedono in primo luogo al committente Comune di Pisa di fare chiarezza sulla dichiarazioni da parte della L.A. Service che millanta spettanze non corrisposte da parte del Comune stesso".

I lavoratori chiedono alla L.A. Service il pagamento di tutte le loro spettanze per i due mesi di giugno e luglio e chiedono alla Prefettura di Pisa di convocare urgentemente un tavolo "per risolvere la vertenza e per evitare di ricorrere a forme di protesta e di astensione dal lavoro che diventerebbero inevitabili da parte di lavoratori che, oltre alla beffa dei salari non corrisposti, si trovano davanti ad un futuro ancora più incerto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento