Vertenza Piaggio: lavoratori incatenati alle porte della Regione Toscana

Il presidio è sostenuto dal sindacato Usb: "Chiediamo un incontro al governatore Rossi"

E' scattato il blitz stamani, 4 dicembre, alle porte del palazzo della Regione in Piazza Duomo a Firenze, dei lavoratori della Piaggio al centro di una vertenza che vede oggi senza lavoro 50 dipendenti, per anni legati all'azienda di Pontedera con contratti precari. A promuovere e sostenere l'azione è l'Unione Sindacale di Base. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I manifestanti si sono simbolicamente incatentati all'entrata. "I lavoratori chiedono un incontro al presidente Rossi - scrive l'Usb - sosteniamo la vertenza di questi lavoratori lasciati a casa dopo anni di lavoro e sacrifici. Pretendiamo una risposta da parte di Piaggio e da parte delle istituzioni. Piaggio non rispetta gli accordi, nega il posto a chi ne ha diritto, pensa solo al profitto. Vergogna!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Covid, estetisti e parrucchieri restano aperti: "In questi mesi prova di grande affidabilità e serietà"

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento