Cronaca Via Cisanello, 203

Via Cisanello, residenti contro l'amministrazione: "Lavori alla viabilità fatti male"

All'incrocio con via Norvegia alcuni condomini denunciano una sistemazione errata e pericolosa di marciapiede e pensilina per l'autobus

Residenti sul piede di guerra in via Cisanello, ai civici 203 C e D, all'angolo con via Norvegia. In seguito ai lavori di giugno e luglio sono cambiate alcune caratteristiche della viabilità, in particolare con la nuova pista ciclabile che ha portato ad una nuova posizione della fermata dell'autobus e la sistemazione dei marciapiedi. Organizzazione che non piace ai condomini, che denunciano anche pericoli per la sicurezza per gli abitanti e la circolazione stradale. 

I residenti chiedono al Comune di rivedere i lavori con una lettera inviata ad amministrazione, Pisamo e Vigili Urbani. "In prossimità dell'ingresso all'area condominiale - spiegano i residenti - era presente, da sempre, una comoda e funzionale pensilina adeguata a soddisfare le necessità dell'utenza, fornendo ombra (poca, vista la scelta della copertura trasparente) e riparo dalla pioggia durante l'attesa dell'autobus. La collocazione della pensilina era tale da non costituire alcun intralcio alla visibilità dei vari accessi a via Cisanello, né alla mobilità delle persone, sia di chi passava sul marciapiede che di chi raggiungeva la propria abitazione. Questo fatto sembra però essere in contrasto con le moderne teorie che hanno ispirato i progettisti dell'intervento di 'restyling' della zona".

La pensilina è stata spostata: "E' stata collocata esattamente davanti al passaggio pedonale di ingresso al civico 203/C, nascondendolo alla vista ed intralciando l'accesso per tutti coloro che vi debbano transitare: non solo i residenti ma anche corrieri, ambulanze o personale sanitario. In questo modo ha ottenuto anche il brillante risultato di occludere completamente alle auto in marcia su via Cisanello la visuale sul vicino accesso carrabile del condominio, e di ostacolare la visibilità di via Cisanello ai mezzi ed alle persone in uscita dal condominio".

Ma anche la struttura del marciapiede rende difficile la mobilità: "Il marciapiede, rifatto completamente durante i lavori, forma ora una curva a gomito (o a L) in corrispondenza del passo carrabile interferendo con la traiettoria di accesso per cui, chi deve entrare nel parcheggio condominiale, è ora costretto ad effettuare una manovra pericolosissima, dovendosi necessariamente, con la freccia azionata a destra, spostare sul lato sinistro della carreggiata, al fine di superare la sporgenza del marciapiede. Ci pare superfluo soffermarci sulla pericolosità di tale manovra!".

La richiesta dei condomini è quindi quella di spostare nuovamente la pensilina nella posizione precedente, adeguando anche la sagoma del marciapiede prima che "l'attuale stato dei luoghi determini qualche grave, quanto inevitabile, incidente. Qualora questo accedesse nessuno dei destinatari di questa missiva potrebbe dire di essere stato all'oscuro. Non possiamo poi fare a meno di chiederci se i soldi pubblici utilizzati per realizzare quanto descritto sopra siano stati ben spesi e se tutti coloro che hanno concorso alla realizzazione della stessa abbiano prestato quella cura e quell'attenzione che avrebbero sicuramente posto se la stessa avesse riguardato il marciapiede davanti alla propria dimora".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Cisanello, residenti contro l'amministrazione: "Lavori alla viabilità fatti male"

PisaToday è in caricamento