"Ronda armata al servizio della Giunta": ancora polemica sui vigilantes privati

Diritti in Comune aggiorna sullo stato del bando per il servizio, fermo all'aggiudicazione provvisoria, e attacca: "Sia annullato questo affidamento illegittimo"

Diritti in Comune insiste sul caso dei servizi di vigilanza privata, richiesti dal Comune di Pisa tramite un bando poi più volte revocato. "Dopo numerosi solleciti - spiega il gruppo - ci è stata finalmente consegnata la documentazione relativa agli esiti della terza gara fatta dal Comune di Pisa, nel giro di soli 5 mesi, per affidare a guardie private un servizio di controllo armato nella zona della stazione. Come avevamo paventato nelle scorse settimane, tra annullamenti e tempi ristrettissimi delle procedure di gara, la platea dei partecipanti da agosto a dicembre si è ristretta, fino ad arrivare alla valutazione di una sola offerta da parte della commissione: quella del Corpo delle Guardie di Città. Ma ciò che risulta ulteriormente anomalo è che, ad oggi, non sembra esserci l'aggiudicazione definitiva ma solo quella provvisoria, che per di più risale ad un mese fa. L’impressione, pertanto, è che l’amministrazione comunale non sappia ancora come districarsi dal pasticcio in cui si è accanitamente cacciata".

"Denunciamo, ancora una volta - insiste Diritti in Comune - la procedura seguita e la decisione della amministrazione di sperperare denaro pubblico (150 euro all’ora). Anche perché questo genere di affidamento viola sia la normativa vigente, sia una circolare del Ministero dell'Interno dello scorso 16 dicembre, che abbiamo recentemente reso pubblica, nella quale si afferma inequivocabilmente che il controllo del territorio è prerogativa dello Stato e che gli Istituti di Vigilanza Privata non possono essere impiegati in questa attività. Eppure la Giunta prova in ogni modo ad affidare illegittimamente questo servizio alle Guardie di Città, col pretesto di controllare fioriere, pensiline e fontane di piazza della stazione, nonché per presidiare esternamente l'ufficio della Polizia municipale in Gallerie Gramsci. Siamo davvero alla farsa". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Di quale legalità, sicurezza e trasparenza stiamo parlando? - attacca ancora la lista - Noi siamo contrari a qualsiasi forma di privatizzazione delle funzioni proprie della Polizia di Stato, in violazione alle leggi vigenti, come lo stesso Questore ha ricordato qualche giorno fa affermando che 'sta alle forze dell'ordine garantire la sicurezza, non abbiamo bisogno di ronde e sceriffi'. Auspichiamo quindi che il Prefetto e il Questore intervengano pubblicamente contro quella che si viene a configurare come una vera e propria ronda armata al servizio della Giunta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

  • Coronavirus: 290 nuovi casi positivi in Toscana

Torna su
PisaToday è in caricamento