menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vinis raddoppia: e-commerce e vendita nel settore Horeca e Gdo per valorizzare le cantine toscane

L'azienda pisana creata da Manuel De Luca e Lorenzo Radica ha deciso di incrementare gli investimenti proprio nell'anno della pandemia: "I risultati ci danno ragione. L'Italia e il mondo sono affascinati dal vino toscano"

Un bicchiere di vino, il panino per il momento ordinatelo al vostro bar o al ristorante di fiducia e fatevelo portare a casa. E la felicità è assicurata. Lo cantavano diversi anni fa Al Bano e Romina, e lo confermano Manuel De Luca e Lorenzo Radica, i fondatori di Vinis: in principio, qualche anno fa, si trattava di una startup; adesso, dopo le nuove modifiche degli ambiti di investimento ed espansione commerciale, si può parlare di un vero e proprio punto di riferimento dell'enoturismo e dei produttori vitivinicoli della Toscana.

Un'azienda giovane, frizzante come le bollicine di alcuni vini promossi in giro per l'Italia e all'estero, trainata da un personale altrettanto giovane. La pandemia ha colpito durissimo anche questo settore, inutile sottolinearlo. Un po' il turismo azzerato, un po' i ristoranti chiusi e il settore alberghiero praticamente svuotato. "Ci siamo messi a tavolino, un anno fa, per riorganizzare il lavoro e non farci travolgere dall'emergenza" spiega Manuel De Luca. "Dal settore enoturistico, abbiamo deciso di anticipare i tempi dello sviluppo della piattaforma della vendita dei prodotti - prosegue - tutti sappiamo che il commercio online è schizzato alle stelle negli ultimi dodici mesi".

Per questo motivo Vinis ha regolarizzato i canali di vendita al dettaglio e all'ingrosso, avviando anche due progetti di export decisamente importanti. "Commerciamo con il Vietnam e il Giappone - precisa De Luca - con il forte investimento nella piattaforma e-commerce, abbiamo potuto anche allargare il bouquet delle etichette proposte. Non ci sono soltanto le cantine più strutturate e più famose della regione: accanto alle grandi firme, proponiamo anche le cantine toscane più piccole che, da sole, non riuscirebbero a proporsi con forza sul mercato online". La conseguenza è stata l'approdo su Amazon, "con il chiaro obiettivo di dare un servizio ulteriore alle nostre cantine, senza penalizzarle".

Lorenzo Radica (sinistra) e Manuel De Luca (destra) fondatori di Vinis

Il colosso dell'online in questo anno di pandemia è stato bersagliato di critiche da parte del commercio al dettaglio, "perché se utilizzato male annulla le peculiarità delle aziende e le uniforma ai propri standard. Vinis, in questo caso, si fa garante delle esigenze e delle necessità delle cantine: la vendita su Amazon consente di avere visibilità anche in sette paesi europei e oltreoceano. Una vetrina di lusso per tutti i marchi che curiamo: non c'è soltanto la vendita ai consumatori finali, ma anche nel canale 'b2b', quindi ad altre aziende".

L'ultima novità alla quale Manuel De Luca e il resto dello staff di Vinis stanno lavorando è l'apertura del canale di vendita nel settore Horeca e Gdo (grande distribuzione). "Si tratta di una rete di vendita offline - commenta De Luca - che svilupperemo in tutta Italia. La partenza è stata molto positiva: nonostante il mercato sia sostanzialmente fermo nella parte Horeca, abbiamo notato una grandissima voglia di farsi trovare pronti quando il picco dell'emergenza sarà passato e si potrà tornare a viaggiare. In alcuni casi abbiamo già definito canali di vendita esclusivi, con grande soddisfazione delle cantine".

"Sia in Italia che all'estero - conclude Manuel De Luca - c'è la tendenza a ricercare produzioni biologiche ed ecosostenibili. In questo senso anche le cantine toscane più piccole hanno molte carte da giocarsi. La pandemia, su questo aspetto, ha aiutato a scegliere con maggiore cura le etichette da acquistare e valorizzare. Con meno soldi a disposizione e, nel caso del 'b2b', meno vendite ai consumatori finali, si è rafforzata la tendenza a cercare prodotti qualitativamente più validi. E questo percorso continuerà anche quando l'economia ripartirà: Vinis si farà trovare pronta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento