rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Cronaca Vecchiano

Migliarino, non accetta la separazione: angherie continue alla ex moglie

I Carabinieri erano già intervenuti lo scorso aprile al culmine di una lite tra moglie e marito. Nella notte un nuovo litigio che ha portato all'arresto dell'uomo. Dopo la fine della storia con la moglie aveva iniziato a bere diventando più violento

Arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, in collaborazione con i Carabinieri della Stazione di Migliarino Pisano, un cittadino italiano di 43 anni, operaio disoccupato, con l’accusa di atti persecutori. Era ormai più di un anno che la ex moglie denunciava angherie e violenze verbali da parte dell’ex marito che non aveva mai voluto accettare la separazione.

L’uomo, che si era rifugiato nell’alcool, diventando nervoso ed irascibile, prima di andare a vivere fuori dell’abitazione che aveva in comune con la moglie, anche alla presenza dei due figli minori, aveva assunto comportamenti violenti e minacciosi durante i continui litigi con la donna. Quest’ultima, impaurita e intimorita dal comportamento del 43enne, si era finalmente decisa a rivolgersi ai Carabinieri per denunciare i soprusi del marito. Lo scorso 27 aprile i militari del Nucleo Radiomobile erano intervenuti di notte durante l’ennesimo litigio, e, all’arrivo della pattuglia, l’uomo aveva accusato un malore. Così uno dei Carabinieri intervenuti, per timore che fosse in corso un arresto cardiaco, prima dell’intervento del 118, aveva proceduto ad alcune manovre rianimatorie tra le quali la respirazione bocca a bocca. Al termine dell’intervento il 43enne veniva accompagnato in ospedale e trattenuto in osservazione, denunciato in stato di libertà e allontanato dalla casa familiare.

Tuttavia i provvedimenti assunti nei suoi confronti non hanno fatto altro che acuire il suo stato d'animo. La notte scorsa infatti è tornato sotto l’abitazione della ex moglie dove, in stato di forte agitazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanze alcooliche, ha cominciato nuovamente a minacciare e ingiuriare la donna fino all’arrivo dei militari dell'Arma chiamati dalla stessa signora. A quel punto è stato dichiarato in stato di arresto per atti persecutori e condotto presso la Casa Circondariale di Pisa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migliarino, non accetta la separazione: angherie continue alla ex moglie

PisaToday è in caricamento