L'assessore regionale Remaschi a San Rossore

Vista all'azienda agricola del Parco, che punta ad essere modello di buone pratiche

L'azienda agrozootecnica biologica di San Rossore nei giorni scorsi è stata il centro della visita al Parco dell'assessore all'Agricoltura della Regione Toscana, Marco Remaschi. "L'agricoltura - spiega il presidente Giovanni Maffei Cardelli che insieme al direttore Riccardo Gaddi ha accompagnato Remaschi nella sua visita - rappresenta il filo conduttore della storia del territorio del Parco e delle Tenute in cui è articolato. Il Parco è natura e cultura, viverlo significa stupirsi della bellezza della natura e istruirsi con la cultura. Vogliamo proiettare nel futuro l'azienda agricola del Parco, perchè sia sempre di più un modello ambientale di buone pratiche e un'occasione di esperienze didattiche per le giovani generazioni".

La visita, a cui hanno partecipato Luca Becuzzi responsabile dell'Ente per il servizio agrozootecnico e Marco Ricci della società di consulenza GreenGea, è iniziata dall'allevamento di bovini: a San Rossore si trovano 200 esemplari di tre razze diverse, mucco pisano, chianina e maremmana, che pascolano allo stato brado in specifiche aree all'interno della Tenuta e che si nutrono con il fieno biologico a km zero prodotto a San Rossore. Dopo aver visto le mucche al pascolo e i mezzi impiegati nella fienagione in corso, la visita è terminata al 'Boschetto', dove sono allevati, insieme a 3 dromedari, oltre 30 cavalli delle razze TPR e Monterufolini che si riproducono, caso raro in Italia, allo stato brado.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante la visita si è parlato del lavoro in corso per completare la filiera dell'allevamento bovino con l’introduzione dell’ingrasso al pascolo (grass fed) dei vitelli che permetterà di fornire carne di qualità certificata dal marchio di San Rossore, e delle azioni programmate per il contenimento degli ungulati, dalle catture alla manutenzione delle recinzioni che delimitano le grandi aree della Tenuta. Infine un ringraziamento a tutti gli operai dell'azienda: Francesco Pardini e Fabio Tani, che hanno illustrato i vari aspetti degli allevamenti di bovini ed equini, Andrea Galardini, Daniele Romboli, Marcello Giunta, Antonio Valentini, Stefano Micheletti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Covid era in discoteca: appello a mettersi in contatto con la Asl

  • Coronavirus in Toscana, 61 nuovi casi: 8 in più a Pisa

  • Minore scomparso a Calambrone: 15enne ritrovato

  • Meteo, quando finirà il grande caldo? Le previsioni

  • Nuovo supermercato in Borgo Stretto: "Affossate le piccole attività"

  • Coronavirus in Toscana: 8 nuovi casi, in isolamento 217 persone in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento