Coronavirus, voli extra-UE e movida: le proposte di Rossi al Governo

Lettera del presidente della Toscana per migliorare le previsioni anti-contagio: verifiche prima di partire per i viaggiatori, tamponi a campione nei luoghi di incontro

Ridurre il rischio di nuovo focolai Covid-19 innescati da chi giunge da Paesi extra-Ue o extra-Schengen e dai loro successivi contatti. E' il tema già dibattuto in Toscana, con la richiesta al Governo di intervenire già formulata dal presidente della Toscana Enrico Rossi. 

I meccanismi attuali presentano troppe criticità per il governatore: "Il problema è quello dell'autodichiarazione che ogni passeggero dovrebbe compilare, indicando il proprio stato di salute e il domicilio (oltre ad un contatto telefonico) dove effettuare i quattordici giorni di isolamento fiduciario. Non tutti lo fanno. Non velocemente quei dati vengono registrati sulla piattaforma informatica, in modo da programmare monitoraggio, test diagnostici specifici e indagine epidemiologica. Ogni giorni, secondo i dati in possesso della Regione, tra gli aeroporti di Firenze e Pisa atterrerebbero circa 400 persone provenienti da Paesi extra-Ue. Soggetti che non si registrano nel sito regionale. E poi c'è chi atterra altrove in Italia (e poi magari si sposta in Toscana) o che fa scalo in area Schengen".

Così Rossi propone ai ministri due soluzioni: "Obbligo di compilare l'autocertificazione al momento dell'acquisto del biglietto aereo o comunque prima dell'imbarco. Così fanno ad esempio nel Regno Unito e in questo modo all'arrivo potrebbe scattare in automatico la sorveglianza sanitaria e ogni Regione avrebbe immediata notizia di tutti i viaggiatori che entrano sul proprio territorio. Oppure, seconda soluzione, il controllo del passaporto per chi arriva in Italia da Paesi extra-Ue facendo scalo in Paesi di area Schengen. In questo caso chiaramente diventa fondamentale la collaborazione delle forze di polizia aerea".

Oltre ai voli extra Ue Rossi individua anche un altro fronte da aggredire: quello della movida estiva, su cui impegnare le forze per contrastare il rischio di una ripresa dei contagi. "L'idea - spiega Rossi - è dunque quella di lanciare una campagna di screening sierologico e con tamponi molecolari, a campione e su base volontaria, nei luoghi dove la movida ha una maggiore rilevanza". Il presidente pensa prima di tutto, visto che siamo in estate, alle "città di mare e balneari e alle città d'arte. E' un suggerimento molto giusto che arriva dal professore Andrea Crisanti - conclude Rossi - e mi sembra un buon modo per continuare a tracciare la diffusione del virus e prevenire lo sviluppo di nuovi focolai fuori controllo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Sciopero in sanità, scuola e trasporti il 25 novembre: orari e modalità

Torna su
PisaToday è in caricamento