Economia

Comprensorio del cuoio: dal Kazakistan a caccia di affari

Incontri e visite in nove aziende del settore calzaturiero e della pelletteria da parte di alcuni agenti di commercio kazaki. Le aziende mostrano i loro prodotti

Quattro giorni dedicati a presentare i propri prodotti e la propria azienda ad un gruppo di agenti di commercio kazaki, quelli che stanno affrontando le imprese del settore calzatura e pelletteria che hanno aderito al progetto iniziato nel 2015 dalla Camera di Commercio di Pisa a sostegno dell’internazionalizzazione. L’incoming è stato preceduto da un lavoro, in collaborazione con Informest Consulting, società friulana per lo sviluppo commerciale sui mercati internazionali, partito da un’indagine sul mercato del Kazakistan, per poi passare all’analisi dei prodotti di maggiore attrattiva e all’individuazione del target ideale di clientela. L’iniziativa aveva già interessato lo scorso aprile imprese del settore mobile e arredamento; da martedì, dopo l’accoglienza a Villa Sonnino e i saluti di Samuele Fiorentini, assessore alla promozione del territorio del Comune di Montopoli in Val D’Arno, spetta alle imprese della calzatura e pellame impressionare i possibili acquirenti.

“Un progetto - afferma il presidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini - nato dalla volontà di supportare concretamente le piccole e medie imprese che vogliono internazionalizzarsi. La scelta del paese - prosegue Tamburini - non è stata casuale. L'economia del Kazakistan, repubblica a reddito medio alto, è infatti la più grande dell’Asia centrale, con un PIL pro capite di circa 10.000 dollari. In questo contesto, alle nostre produzioni di qualità non resta che cogliere le opportunità offerte da questa economia”.

”Ringrazio la Camera di Commercio di Pisa che è sempre presente nel dare supporto alle nostre aziende - afferma l'assessore Fiorentini - mi complimento con gli imprenditori che hanno partecipato a questo incoming di buyer kazaki; è sicuramente una importante occasione per l’internazionalizzazione e per mettere in evidenza le produzioni del nostro distretto verso un paese chiave dell’Asia centrale, un mercato in forte espansione e alla ricerca di prodotti di alta qualità quali sono quelli del nostro comprensorio”.   

Queste le aziende che hanno aderito all’iniziativa:

  • CALZATURIFICIO GARDENIA - Santa Maria a Monte
  • SOLETTIFICIO MAFFEI - Santa Maria a Monte
  • TACCHIFICIO PLASTACCO - Santa Maria a Monte
  • CALZATURIFICIO EVERYN - Montopoli - Capanne
  • SCARPE D'ARTE - Montopoli Valdarno
  • CALZATURIFICIO DOVER - Castelfranco di Sotto
  • ECOPELL 2000 - Santa Croce sull'Arno
  • MATTEOLI 1926 - San Romano
  • CALZATURIFICIO MARY - Gorizia
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comprensorio del cuoio: dal Kazakistan a caccia di affari

PisaToday è in caricamento