Economia Ospedaletto / Via Stanislao Cannizzaro, 7

Vicenda All.co, passo indietro: sì ai prepensionamenti volontari

I vertici dell'azienda che produce profilati in alluminio hanno accettato la richiesta dei sindacati: ora si procederà con una serie di colloqui per capire quanti lavoratori accetteranno la pensione anticipata

Sembra essere arrivata ad una risoluzione la vicenda della All.Co, l’azienda di Ospedaletto che produce profilati di alluminio. I lavoratori avevano manifestato la scorsa settimana per la decisione della proprietà di mettere in mobilità 19 lavoratori in esubero, mentre è di due giorni fa la proclamazione dello sciopero ad oltranza in seguito alla volontà della dirigenza di mettere in libertà i lavoratori del turno di notte che stavano effettuando scioperi a singhiozzo.
Le proteste di questi giorni sembrano però aver dato i frutti sperati visto che ieri, durante l’incontro tra azienda e sindacati, i vertici della All.Co si sono detti pronti ad accettare la richiesta dei sindacati di procedere con il prepensionamento incentivato a base volontaria. Nessuna mobilità dunque per i 19 lavoratori, mentre intanto domani è fissato un incontro con l'assessore al lavoro Anna Romei per fare il punto sulla questione.

Nei prossimi giorni inizieranno i colloqui con i dipendenti così da analizzare le singole posizioni e capire chi accetterà di ricorrere alla pensione anticipata. Sarebbero già comunque una decina i lavoratori pronti a dire di sì alla proposta, ma ad ogni modo solo dopo gli incontri la situazione sarà più chiara e i lavoratori potranno conoscere l’esatto importo che riceverebbero in caso di assenso al prepensionamento.
Le cifre deriveranno dalla somma tra l’assegno di mobilità e l’80%, versato da All.Co, della differenza tra la pensione piena e l’assegno stesso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenda All.co, passo indietro: sì ai prepensionamenti volontari

PisaToday è in caricamento