Ristoranti e bar chiusi a Natale e Capodanno? "3mila imprese a rischio"

Da Confcommercio l'appello a far riaprire i locali pubblici che stanno pagando un prezzo alto a causa dell'emergenza Coronavirus

E' un appello accorato quello che il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli lancia alla Regione e al Governo affinché i pubblici esercizi (bar, ristoranti, pasticcerie, etc..) possano riaprire e tornare a svolgere la propria attività durante le feste di Natale. Feste che da sole valgono il 20% del fatturato, per un valore di circa 8 miliardi di euro di consumi.
“Da un punto di vista sanitario la Toscana può essere considerata in zona gialla ed è ingiusto che migliaia di negozi e attività commerciali siano costrette a restare chiuse perdendo l'ultima vera possibilità di incasso - spiega il direttore - la nostra regione è passata in poche ore da gialla a zona rossa, adesso che le condizioni ci sono e i parametri sanitari sono migliori di altre regioni, è necessario e fondamentale fare il passaggio opposto, da rossa a gialla, senza che la solita burocrazia ci faccia perdere altro tempo prezioso, facendoci riaprire già da giovedì o al più tardi venerdì”.

“L’idea di imporre un coprifuoco generalizzato alle 22 per tutte le feste natalizie, con lo stop a bar e ristoranti alle 18 il 25 e 31 dicembre non ha alcuna motivazione scientifica. Ristoranti e bar sono stati i primi a chiudere ad inizio lockdown e sono tra le attività che più hanno investito in termini di sicurezza, distanziamento, impiego dei plexiglass, sanificazione e quant'altro. Nei primi 9 mesi il settore ha già perso 24 miliardi di euro, con tutte le conseguenze in termini di tenuta e di occupazione. Le quasi 3mila aziende tra bar e ristoranti della provincia di Pisa come potranno ancora andare avanti se non si consente loro di lavorare almeno a Natale e a Capodanno, che da soli producono un giro d'affari a livello nazionale di oltre 700 milioni di euro?" si domanda il direttore che rilancia: “I costi continuano a girare, le entrate sono azzerate, arrivare alla prossima primavera vivi, a queste condizioni, è praticamente impossibile”.

“Scongiuriamo ogni ipotesi di coprifuoco, imponiamo la chiusura alle 23, ma è decisivo riaprire le attività già da domani e consentire alle persone che lo vorranno di festeggiare Natale e Capodanno all'interno dei pubblici esercizi. Per quanto ci riguarda, dobbiamo salvare dalla chiusura 3.000 imprese pisane e garantire il posto di lavoro a più di 11mila persone” l'appello finale del direttore Pieragnoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Toscana zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 16 gennaio

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento