rotate-mobile
Economia

Ripartenza: boom di prenotazioni dall'estero negli agriturismi pisani

A dare notizia del segnale positivo è il monitoraggio di Coldiretti Pisa e Terranostra Toscana

Sono pronti a tornare per trascorrere le vacanze estive nelle strutture della provincia di Pisa i turisti stranieri. Le previsioni da parte degli imprenditori agrituristici sono molto incoraggianti dopo due anni di assenza forzata causata dall’emergenza sanitaria che avevano fatto registrare solo nel 2021, e per il solo periodo da giugno a settembre, 40mila presenze in meno per un crollo del fatturato tra pernottamenti, ristorazione e souvenir enogastronomici, stimato in circa 5 milioni di euro.

A confermare l’ottimo trend è il monitoraggio di Coldiretti Pisa e Terranostra Toscana, l’associazione che raduna gli agriturismi di Coldiretti, in vista della stagione estiva. "Gli stranieri stanno tornando: e questa è una bellissima notizia. 7 prenotazioni su 10 per l’estate sono di vacanzieri stranieri. I primi segnali di ripartenza vera li abbiamo iniziati ad intravedere subito dopo la fine dello stato di emergenza e di pari passo con il graduale allentamento delle misure. La prova generale di Pasqua ci ha dato fiducia".Così Simone Ferri Graziani, Presidente interprovinciale Terranostra Pisa Livorno, che insiste: "Lo scorso anno, in questo periodo, le prenotazioni erano ancora molto incerte ed il rischio di cancellazione altissimo. Uno scenario molto diverso da quello di oggi che vede il ritorno dei turisti da tutto il mondo. E’ ancora presto per capire se siamo ai livelli pre-pandemia ma siamo sulla strada giusta".

I turisti stranieri sono strategici per l’ospitalità soprattutto nelle mete più gettonate anche perché hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa per alloggio, alimentazione, trasporti, divertimenti, shopping e souvenir. La loro assenza ha pesato enormemente sui conti della aziende agrituristiche in particolare nei mesi clou della stagione come giugno, luglio ed agosto. Se la tavola con la cucina a chilometro zero resta la qualità più apprezzata per scegliere l’agriturismo rispetto ad un’altra struttura ricettiva, è la spinta verso un turismo di prossimità, con la riscoperta dei piccoli borghi e dei centri minori nelle campagne che ha portato le strutture ad incrementare l’offerta di attività con servizi innovativi per sportivi, curiosi e ambientalisti, ma anche attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici o wellness. Con poco più di 531 strutture attive di cui quasi una su due guidate da donne, 8mila posti letto e 172 piazzole per l’agricampeggio la provincia di Pisa contribuisce al primato nazionale degli agriturismi della Toscana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripartenza: boom di prenotazioni dall'estero negli agriturismi pisani

PisaToday è in caricamento