Farina in aumento per i panificatori pisani: "Atto arbitrario"

Confcommercio chiede l'intervento di Assipan per tutelare i panificatori dagli aumenti stabiliti da uno dei principali gruppi molitori europei

Una sorpresa amara trovata nell'uovo di Pasqua da alcuni panificatori pisani: a causa dell'emergenza Coronavirus farina in aumento dal 5% al 10%, per importi calcolati sul totale delle fatture, a partire dal 2 aprile. A mettere nero su bianco questi incrementi sulla fornitura di farina, come denuncia Confcommercio Pisa, uno dei principali gruppi molitori europei, con una quota del 15% del mercato dei panificatori. "Per poter continuare a garantire la consegna al tuo laboratorio - si legge nella missiva - sino a quando la situazione sarà rientrata nella normalità, siamo costretti a chiedere di concorrere al mantenimento del servizio attivo con una quota per la fornitura in emergenza Covid-19. La quota per fornitura in emergenza Covid-19 verrà applicata a fare data da giovedì 2 aprile 2020 e con una incidenza proporzionata alla dimensione della singola consegna. Per ordini superiori a 1000 euro la maggiorazione sarà del 5%, per quelli compresi tra 1000 e 500 euro l'aumento sarà de l'8% e per ordini inferiori a 100 euro sarà del 10%".

“Abbiamo scritto immediatamente ad Assipan nazionale perché intervenga - commenta il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli - questa modifica unilaterale delle condizioni contrattuali da parte di una delle più importanti aziende del settore lo consideriamo un atto arbitrario e socialmente disdicevole, che ha il difetto di far ricadere indebitamente sulle spalle di artigiani e commercianti il peso di una emergenza che loro per primi stanno affrontando con grande senso di responsabilità e dedizione verso l'intera collettività. E' innegabile che panificatori e rivendite di pane sono snodi fondamentali della catena di contenimento di questa emergenza, in prima linea nel consentire i necessari approvvigionamenti alle persone, senza ulteriori aggravi di costi per la clientela”.

“Ci auguriamo che grazie all'intervento di Assipan si possano scongiurare questi aumenti a scapito di imprenditori che trascorrono la gran parte delle ore a produrre pane e la cui unica preoccupazione non è certo quella di speculare sull'emergenza sanitaria, ma di fornire un servizio adeguato e in linea con le urgenti necessità dei cittadini” conclude Pieragnoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento