Lunedì, 21 Giugno 2021
Economia

Flop del commercio al dettaglio: calano le vendite su tutta la provincia

Brutte notizie sul fronte commerciale per quanto riguarda i dati del secondo trimestre 2012: vanno male le piccole e medie strutture, tornano a crescere ipermercati, supermercati e grandi magazzini

I dati relativi al secondo trimestre 2012 non portano buone notizie per il commercio al dettaglio in provincia di Pisa. Ad affermarlo è la consueta indagine trimestrale condotta dall’Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio su un campione di imprese con dipendenti provinciali. Il timore di perdere il lavoro, la diminuzione del potere d’acquisto di salari e stipendi ed il previsto aumento della pressione fiscale portano ad una maggiore cautela sul versante della spesa, le vendite al dettaglio a Pisa diminuiscono del -5,8%.

Il dato più significativo riguarda gli ipermercati, supermercati e grandi magazzini che, dopo l’andamento incerto degli ultimi trimestri, tornano a un +2,5%. A soffrire la crisi è soprattutto il settore del non alimentare che registra un -7,2%, anche se i negozi alimentrai non navigano in acque migliori e segnano un -5,3%. Particolarmente critica la situazione degli esercizi che vendono prodotti per la casa ed elettrodomestici (-15,0%) ma anche di abbigliamento e accessori (-9,7%).

Per il terzo trimestre, le attese hanno confermato lo stato catatonico in cui versa il commercio. Il prossimo arrivo del conguaglio IMU andrà ad alleggerire ulteriormente le tasche dei consumatori, i problemi occupazionali e l’inflazione ancora su livelli elevati allontanano la prospettiva di un recupero delle vendite. Continuano a crescere, pur lentamente, le attività locali pisane attive nel settore del commercio al dettaglio.  La crescita più consistente è rappresentata dal commercio al dettaglio ambulante che segna una crescita del +8,6%: molte persone specialmente extracomunitari cercano di re-immettersi sul mercato del lavoro.  Cresce il numero di ipermercati, supermercati e grandi magazzini  ma anche il commercio al di fuori dei negozi, banchi e mercati: per corrispondenza, via internet, vendita porta a porta e distributori automatici.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flop del commercio al dettaglio: calano le vendite su tutta la provincia

PisaToday è in caricamento