Economia

Cantieri, nodo concessioni: manifestazione sotto il Comune

I lavoratori cercano sicurezze per il futuro e hanno richiamato l'attenzione sulla questione delle concessioni che potrebbero bloccare gli intenzionati all'acquisto dei cantieri. Venerdì incontro in Regione

Gli operai dei Cantieri di Pisa hanno fatto sentire di nuovo la propria voce stamattina di fronte a Palazzo Gambacorti dove hanno chiesto di essere ricevuti dal sindaco Marco Filippeschi. Il primo cittadino, insieme all'assessore alle attività produttive Giuseppe Forte, ha ascoltato i lavoratori che hanno portato sul tavolo la questione delle concessioni demaniali. La situazione attuale, infatti, rischia di pregiudicare qualunque investimento, secondo sindacati e lavoratori, perché per i prossimi 15 anni la titolarità delle concessioni è in capo a una società che non svolge attività industriale, ma che le concederebbe in affitto a eventuali soggetti industriali interessati ad acquistare il cantiere dal gruppo Baglietto.

"Stiamo parlando di una cifra di circa un milione all'anno - spiega il segretario provinciale della Cgil Gianfranco Francese - che potrebbe scoraggiare qualunque possibile acquirente. E per questo abbiamo chiesto da tempo a Comune e Provincia di farsi carico del problema, cercando di risolverlo attraverso la loro società partecipata Navicelli spa, ma per ora otteniamo solo risposte evanescenti".
"Il Comune - ha risposto Forte - chiederà al liquidatore del gruppo, Federico Galantini, di fare chiarezza sui potenziali acquirenti, ribadendo la necessità di individuare soggetti interessati a svolgere l'attività produttiva". "Chiederemo a Galantini - ha concluso Forte - di incontrarci prima del 18 ottobre, data in cui secondo indiscrezioni una delegazione del gruppo austriaco Tcf dovrebbe venire a ispezionare il cantiere. Vogliamo sapere quali sono le reali intenzioni del potenziale acquirente e cosa intende fare delle maestranze. Se poi davvero il problema delle concessioni, così come sono adesso, rappresenta un ostacolo alla cessione dello stabilimento, gli enti locali faranno tutto quanto è in loro potere per risolvere il problema. Intanto venerdì la Regione ha convocato il tavolo istituzionale per un aggiornamento sulla situazione". (fonte Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri, nodo concessioni: manifestazione sotto il Comune

PisaToday è in caricamento