Turismo e commercio: "Eventi e misure ad hoc per puntare al pubblico pisano"

Cna Pisa ha incontrato l'assessore Pesciatini, mettendo sul tavolo una serie di proposte per rilanciare il settore: "Occorre che i pisani tornino a vivere la città e il suo litorale"

Eventi e attrazioni mirati per coinvolgere il pubblico pisano. E' la strada tracciata da Cna Pisa Turismo e Commercio e Cna Pisa HoReCa che nei giorni scorsi si sono riunite per elaborare una serie di iniziative per far ripartire il settore. "Pisa deve ripartire dai pisani. Lo si deve fare - si legge in una nota congiunta - con eventi, attrazioni e servizi mirati. La città deve insomma puntare a 'ritrovare' tra i suoi clienti i pisani, ovvero coloro che vivono ed animano questa città. Solo così tutto il tessuto economico potrà tirare un respiro di sollievo. Un percorso che inizia adesso, ma che dovrà essere il faro per un rilancio a lungo termine".

Per quanto riguarda il dibattito sulla chiusura al traffico di alcune aree del litorale l'associazione di categoria ritiene "giusta l’idea dell’assessore Pesciatini e della giunta di chiudere il lungomare e via Maiorca anche se con orari di chiusura diversi, e bisogna puntare su di una progettualità futura per attrarre turisti, ma soprattutto occorre che i pisani, tornino a vivere la città e il suo litorale. L’idea di fondo è quella di ripartire dal proprio interno, affinché il ‘pisano’ torni a vivere il proprio territorio. Questo è possibile solo investendo concretamente in offerte promozionali che abbiano lo scopo di attrarre i propri cittadini, visto che i turisti stranieri e gli universitari mancano. Dobbiamo insomma ripartire dall’interno per creare un futuro che veda Pisa oltre la Torre e l’Ateneo".

Non più, quindi, una città da turismo mordi e fuggi, ma un punto di riferimento per chi vuole trascorrere vacanze di qualità anche a pochi chilometri da casa. Le premesse per ripartire secondo Cna ci sono. L'associazione di categoria, nel corso di un incontro, ha quindi messo sul tavolo dell’assessore alle attività produttive, Pesciatini, una serie di proposte. "Pisa e la sua provincia hanno un territorio ricco di offerte che spesso non trovano un risconto concreto, ma attraverso progetti mirati è necessario intercettare la domanda anche dei propri residenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fra le proposte esposte anche all’assessore si è parlato della creazione di eventi ad hoc, della gestione integrata ed efficace dei trasporti pubblici estesi anche negli orari notturni, dei parcheggi scambiatori da rendere sicuri e meglio collegati al centro città. Infine sono state avanzate ipotesi di promozione e di sinergie con il settore dell’artigiano locale sempre più in difficoltà, fino ad una collaborazione stretta con il comparto alberghiero per un efficace richiamo turistico. "Misure - conclude Cna - sulle quali l’amministrazione comunale si è mostrata interessata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, crescono i contagi: 755 nuovi positivi

  • Una delle pizzerie più buone d'Italia: Gusto al 129 premiata da Gambero Rosso

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus, 581 nuovi casi in Toscana: un decesso a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 906 nuovi casi, 133 a Pisa

  • Coronavirus nel pisano: 39 casi a Pisa, 26 a Cascina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento