menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Economia e Covid: a gennaio bando ristori anche per giostrai e ambulanti

Per accedere al contributo è necessario che il fatturato si sia ridotto di almeno il 40% da gennaio fino a novembre 2020

Non solo ristoranti e bar. Per chi ha patito perdite per le restrizioni imposte dall'emergenza sanitaria l'assessore all'Economia della Toscana
Leonardo Marras annuncia un ulteriore bando di ristori a cui la Giunta darà il via libera e che sarà pubblicato, come nel caso dei ristori a bar e ristoranti, subito dopo Epifania.

“Riguarda altre tre categorie che hanno sofferto una forte compressione della propria attività - spiega - ed anche a loro sarà concesso un ristoro di 2500 euro”.
A disposizione ci sono due milioni, già da novembre nel bilancio regionale pronti all'uso, e i destinatari saranno gli operatori di spettacoli viaggianti e itineranti, ovvero i cosiddetti giostrai, gli ambulanti di mercati turistici e gli ambulanti fieristici, quelli cioè che non hanno il banco nei mercati rionali settimanali ma partecipano ai mercati temporanei legati a fiere e feste paesane, tutti eventi per lo più sospesi e cancellati in questi mesi, che non si sono svolti durante il lockdown e nelle settimane arancioni e rosse ma che pure nei mesi estivi, a volte, non si sono potuti tenere per scelta di amministrazioni comunali che hanno voluto così limitare i rischi di assembramento.

Le regole sono le stesse del bando di ristoratori e bar, con una graduatoria che sarà stilata in base alla percentuale di riduzione dei fatturati dando priorità a chi ha subito il maggiore danno. Per accedere è necessario che il fatturato si sia ridotto di almeno il 40 per cento da gennaio fino a novembre 2020.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento