Saldo attività commerciali, +21 a Volterra: "Dati positivi"

Soddisfazione del sindaco Buselli: "Volterra ha un cuore pulsante che vuole essere un riferimento concreto per la crescita e lo sviluppo sul territorio"

Nell'anno 2018 il saldo tra attività aperte e chiuse è +21 per il Comune di Volterra, secondo i dati della Camera di Commercio. Il quarto dato in termini assoluti dopo Pisa, Cascina e Pontedera (68, 33, 48). Fra i 37 Comuni della provincia di Pisa Volterra è quello che, in proporzione, cresce di più. Le imprese registrate a Volterra al 31 dicembre 2017 erano infatti 1.218 ed il tasso di crescita del 2018 è stato pari al + 1.8%, a fronte del + 1.3 di Pontedera, +0.9 di Cascina e + 0.7 di Pisa.

"I dati del nostro Comune - spiega il sindaco Marco Buselli - continuano a mostrare una vitalità che, incrociata coi settori in cui possono essere inquadrate le attività, mostra come Volterra abbia un cuore pulsante che vuole essere un riferimento concreto per la crescita e lo sviluppo sul territorio. Crediamo che sia stato fatto finora un buon lavoro e che si debbano continuare a creare opportunità affinché i giovani decidano di restare qua ed invertire la rotta che vede, seppur debole, ancora un leggero decremento di popolazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I dati della Camera di Commercio - aggiunge Gianni Baruffa, assessore alle Attività produttive - non sono interpretabili e rappresentano la miglior risposta a chi crede o tenti di far credere che sul lavoro si sia fatto poco. Certo è che quando si parla di giovani e lavoro non è mai abbastanza, ma sono state messe in campo tutte le agevolazioni possibili per attrarre ad investire in città. Ovviamente come i dati del Suap ci dicono, il 2018, fotografa la situazione con un rallentamento degli esercizi di somministrazione e un aumento di esercizi di vicinato. Ancora non basta, ecco perché siamo adesso in dirittura d’arrivo con il blocco delle nuove aperture food. Proprio la scorsa settimana abbiamo avuto una concertazione con associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti, con cui abbiamo trovato l’accordo venendo incontro alle richieste delle associazioni. Quindi incassato l’ok anche delle associazioni, dopo quello della Soprintendenza, adesso non ci resta che quello della Regione Toscana. Successivamente, al primo Consiglio Comunale utile verrà approvato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colta alle spalle e rapinata di notte in via Notari: due arresti, si cerca il terzo

  • Coronavirus in Toscana, 61 nuovi casi: 8 in più a Pisa

  • Incidente stradale lungo l'Aurelia: un morto e tre feriti

  • Positivo al Covid era in discoteca: appello a mettersi in contatto con la Asl

  • Minore scomparso a Calambrone: 15enne ritrovato

  • Meteo, quando finirà il grande caldo? Le previsioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento