Economia

Agriturismi in Toscana: prenotazioni in calo

Minore capacità di spesa e prenotazioni dell'ultimo minuto. Sempre maggiori i servizi richiesti

L'estate 2018 ha portato un calo di prenotazioni negli agritursmi toscani del 5%. Aumentano i last minute ma diminuisce la capacità di spesa dei clienti, queste sono le stime di Agriturist - Confagricoltura Toscana.

Il pernottamento medio è di appena 3 notti, che scende a 2 se la struttura è nelle vicinanze di una città d’arte. Gli italiani tendono a prenotare all’ultimo minuto, di solito per il giorno stesso e nel corso della vacanza. Sul fronte degli arrivi, aumentano le presenze di europei, con in testa i francesi, olandesi, polacchi, cechi e a seguire svizzeri.

Oltre ad un andamento turistico non troppo vivace rispetto allo scorso anno, è rilevato un altro fattore che incide direttamente sulle aziende agrituristiche. "Stiamo notando la crescente richiesta e interesse degli ospiti di nuovi servizi e attività - spiega Fabiola Materozzi, coordinatore regionale di Agriturist Toscana Confagricoltura - che comportano investimenti, adattamenti e aumento di personale, che possa gestire i cambi continui di camere, la vendita, i corsi di cucina, le attività didattiche e sia in grado di lavorare bene in un sistema di ricettività estremamente flessibile per orari e richiesta di servizi". 

Il settore, nonostante questa estate particolare, continua comunque ad essere uno dei migliori biglietti da visita della Toscana. "Malgrado questa leggera flessione stimata nell’andamento turistico - continua il coordinatore Agriturist - si dimostra vincente il connubio tra cibo, arte e paesaggio, sempre più al centro della strategia di promozione turistica della Toscana a riprova del fatto che l’agriturismo fa ormai parte del nostro patrimonio culturale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agriturismi in Toscana: prenotazioni in calo

PisaToday è in caricamento