Economia

Disoccupazione, è boom a Pisa: 800 in un giorno ai centri per l'impiego

I dati relativi al numero dei disoccupati in provincia parlano di numeri in aumento nell'ultimo periodo: 52.346 persone iscritte nelle liste di disoccupazione. Annullata la manifestazione di mercoledì

Dilaga la disoccupazione in provincia di Pisa dove al 30 settembre 2012 si registra un 12% in più di iscritti nelle liste di disoccupazione rispetto al mese di giugno e oltre 8 mila persone in più rispetto ai dati relativi al 31 dicembre 2011, per un totale di ben 52.346 persone. Le ore di cassa integrazione in deroga al 30 settembre sono state invece 6.036 che equivalgono a 3.168 lavoratori, il 22% in più rispetto al trimestre precedente.

I dati, provenienti dai centri per l'impiego pisani, sono stati forniti dal segretario provinciale della Cgil, Gianfranco Francese.
"Numeri che da soli giustificano - ha spiegato Francese - la grande giornata di mobilitazione di mercoledì prossimo. Un giorno storico perché vedere i lavoratori di tutti Europa scendere in piazza per chiedere ai Governi un'inversione di rotta. L'austerità non basta, sono più che mai necessarie politiche di crescita per fronteggiare la crisi e non farla pagare solo alle classi più deboli".

"Per far capire quanto anche in provincia di Pisa il momento sia difficile - ha concluso Francese - basti pensare ai soli dati relativi alla giornata di lunedì scorso quando 876 persone hanno fatto visita ai centri per l'impiego: 350 a Pisa, 260 a Pontedera, 160 a Santa Croce sull'Arno e 93 a Volterra".

Anche a Pisa mercoledì si sarebbe dovuta tenere una manifestazione che però è stata annullata a causa dei disagi provocati dal maltempo che ha messo in ginocchio la Toscana.

"Di fronte a questo disastro che peraltro insiste sulle nostre popolazioni già colpite nel recente passato la CGIL di Pisa, su indicazione della Cgil Nazionale e unitamente alle Camere del Lavoro dell’area costiera, pur confermando la propria adesione alla giornata di mobilitazione promossa dalla CES per il 14 novembre  'Per il lavoro e la solidarietà – no all’austerità' - si legge in un comunicato - decide di sospendere  lo sciopero generale, annullando tutte le iniziative in programma". "Questo atto di responsabilità - prosegue la Cgil pisana - è volto a favorire la massima concentrazione di attenzione e di sforzi da parte di tutta la struttura di aiuti e di soccorso a favore delle popolazioni colpite ed ha anche l’obiettivo di concorrere con la solidarietà del mondo del lavoro alla più rapida ricostruzione dei territori devastati dall’alluvione".

Nelle prossime ore le Camere del Lavoro della costa toscana (Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno e Grosseto) concorderanno le modalità più congrue per assicurare il più ampio consenso alle iniziative di solidarietà verso le popolazioni che hanno subito i danni di questa nuova terribile ondata di maltempo.

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disoccupazione, è boom a Pisa: 800 in un giorno ai centri per l'impiego

PisaToday è in caricamento