Lunedì, 21 Giugno 2021
Economia

Boom di enoteche in provincia di Pisa: sono 90, una su tre è guidata da una donna

In cinque anni il loro numero è cresciuto di oltre il 12%. Vince la degustazione lenta del vino contro lo sregolato consumo di alcol

Un vero e proprio exploit di enoteche in provincia di Pisa. Sono infatti 90, ovvero il 12,5% in più rispetto a cinque anni prima quando erano 80. E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti e della Camera di Commercio di Milano dalla quale si evidenzia la crescente attenzione alla qualità negli acquisti di vino che è diventato una espressione culturale da condividere con amici e parenti. Una tendenza che conferma una decisa svolta verso la qualità, con il vino che è diventato l’emblema di uno stile di vita 'lento', attento all’equilibrio psico-fisico che aiuta a stare bene con se stessi, da contrapporre all’assunzione sregolata di alcol.
"Lo dimostra - precisa Coldiretti - il boom dei corsi per sommelier, “ma anche - spiega Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Pisa - il numero crescente di giovani che tiene ad essere informato sulle caratteristiche dei vini e cresce tra le nuove generazioni la cultura della degustazione consapevole con la proliferazione di wine bar e un vero boom dell’enoturismo che oggi genera un indotto turistico molto importante ed ha conquistato nell’ultima manovra il suo primo storico quadro normativo”.

Le enoteche sono uno dei principali e tra i più autorevoli promoter dei vini locali come il Montescudaio ed il Chianti, per citare i più celebri, a fianco di una miriade molto interessante di piccole etichette. “Le enoteche sono uno strumento - spiega ancora Filippi - importantissimo per promuovere e commercializzare i vini locali a fianco della ristorazione”.

Molto alta, tra le più alte in Toscana, la presenza delle donne: una enoteca su tre è a guida femminile (35,6% contro una media del 28%). Il 15,3% sono invece gestite da giovani (media toscana 11,7%).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di enoteche in provincia di Pisa: sono 90, una su tre è guidata da una donna

PisaToday è in caricamento