Economia

Filiera Corta: dalla Regione nuovi contributi per 8 comuni pisani

I contributi della Regione Toscana sono stati assegnati per le iniziative di 8 comuni pisani: Pisa, Capannoli e Fauglia, Unione Valdera e S.Miniato, S. Maria a Monte, Cascina e Pomarance

Pubblicata sul Burt, il Bollettino ufficiale della Regione Toscana, la graduatoria provvisoria dei progetti ammessi a contributo, da parte della stessa Regione, nell’ambito del proprio bando di finanziamento per il 2011..

Il bando, i cui beneficiari sono i Comuni singoli o associati, prevede il finanziamento di tre tipologie di attività: spacci locali, progetti speciali, mercati dei produttori. In tutto sono 33 le domande provvisoriamente ammesse, 8 di queste sono state presentate dai comuni del territorio: Pisa, Capannoli e Fauglia (spacci locali); Unione Valdera e S.Miniato (progetti speciali); S. Maria a Monte, Cascina e Pomarance (mercati dei produttori)

“Le proposte presentate nella realtà locale - dichiara per la Provincia l’assessore allo sviluppo rurale Giacomo Sanavio - attestano il diffondersi della sensibilità dei e sui territori verso le tematiche della filiera corta”. Non a caso gli ultimi anni hanno visto svilupparsi una molteplicità di  iniziative legate a questo modello: a marzo scorso il panorama provinciale contava la presenza di 12 mercati di produttori e di 6 spacci, negozi di prodotti; e ad essi vanno aggiunte le numerose e importanti esperienze spontanee dei Gas, i gruppi di acquisto solidale".

“L’estendersi della rete dei luoghi della filiera corta - prosegue Sanavio - assume valore culturale ed economico, sia per le nostre comunità, sia per gli imprenditori rurali. Dal riconoscimento della centralità delle politiche del cibo e dell’importanza dell’agricoltura, nasce anche la nuova reputazione dell’agricoltura stessa nella sua dimensione di economia di territorio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filiera Corta: dalla Regione nuovi contributi per 8 comuni pisani

PisaToday è in caricamento