Economia

Filiera corta: idee regalo alla Campagna Amica di Coldiretti

I mercatini promossi dall'associazione in varie zone della Provincia offrono cibi di qualità seguendo rigorosamente criteri di stagionalità. Rapporto diretto dal produttore al consumatore

Settemila clienti ogni 30 giorni ed un fatturato mensile che sfiora i 60 mila euro. La “Campagna Amica” di Coldiretti, la rete di mercati degli agricoltori che si tengono settimanalmente tra Pisa, Pontedera, Ponsacco e Volterra, conquista il consumatore finale (dati indagine Coldiretti) e si candidano ad essere la vera alternativa natalizia ai tradizionali canali commerciali. Anche a Natale infatti, e soprattutto per il periodo delle festività, i mercati esclusivi degli agricoltori sono pronti a sfoderare insieme ad edizioni straordinarie ed orari prolungati tutto il meglio del paniere made in Tuscany, dai prodotti a denominazione al biologico, per confezionale la spesa per cenoni, cenette che accompagneranno le tante abbuffate che ci aspettano oppure per preparare cesti e confezioni fai da te, magari low cost, sicuramente per tutte le tasche, da regalare ad amici, parenti, colleghi (1 su 2 lo preferisce) nel pieno rispetto del rapporto qualità-prezzo, stagionalità, tracciabilità, sostenibilità e genuinità.

Tante le iniziative per respirare, in ogni angolo della Toscana, il Natale: dalle degustazioni d’olio nuovo e vino novello, agli stuzzichini a km zero a base di insaccati, marmellate e miele da provare assolutamente tra un banco e l’altro mentre si va alla ricerca di idee originali, ghiotti sapori e tradizioni culinarie ed enogastronomiche.
“I mercati di Campagna Amica - spiega Fabrizio Filippi, presidente provinciale Coldiretti - sono diventati uno straordinario momento di incontro, ormai un fatto naturale, tra chi produce e chi consuma. I dati della nostra indagine confermano l’andamento positivo, in forte crescita di tutti i mercati settimanali. Il momento delle festività natalizie amplifica le straordinarie caratteristiche dei nostri mercati: offriamo al consumatore l’opportunità di scegliere consapevolmente cosa mettere dentro il piatto”. Tornando ai numeri dell’indagine, la Provincia di Pisa si trova al secondo posto, con i suoi appuntamenti settimanali (a Pisa in Via Paparelli all’interno del Mercato generale ogni mercoledì e in Via Aurelia Nord ogni sabato, a Pontedera in Piazza della Stazione il martedì, a Ponsacco ogni sabato mattina in Piazza Valli) e quasi 60 mila euro di fatturato mensile preceduta solo dalla Provincia di Siena. E’ invece “fuori” statistica il nuovo mercato in Piazza Trieste a Pontedera che sarà inaugurato giovedì 15 dicembre, proprio alla vigilia della settimana del Natale, portando a due gli appuntamenti nel pontederese. “Si tratta di reddito spesso integrativo per le imprese agricole - spiega Filippi - che attraverso i mercati hanno assicurato un canale commerciale diretto, senza intermediazioni e sincero”.


Insieme ai classici prodotti che accompagnano gli appuntamenti con i mercatini esclusivi degli agricoltori, ortaggi e frutta rigorosamente di stagione, olio, vino, miele, confetture solo per citarne alcuni, tra i prodotti principe delle festività ci sarà la Stella di Natale con prezzi variabili, e per tutte le tasche: da 2 euro per una monoflora fino a 15 euro ed oltre per una confezione natalizia pronta per essere regalata ad amici, parenti e colleghi. Ma ci sono anche i ciclamini per chi preferisce l’alternativa. “La varietà dei prodotti che il consumatore può trovare ai nostri mercati è notevole - conclude Filippi augurando a tutti i clienti dei mercati Buon Natale - siamo la vera alternativa ai canali commerciali tradizionali. L’unico presidio del made in Italy serio e garantito al 100%”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filiera corta: idee regalo alla Campagna Amica di Coldiretti

PisaToday è in caricamento