rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Economia Marina di Pisa

Litorale in ginocchio, profonda crisi economica: quattro attività chiudono i battenti

Confcommercio sottolinea la grave situazione di crisi che sta attraversando il litorale pisano, dove già da inizio 2013 hanno chiuso 4 attività commerciali, chiedendo più attenzione da parte dell'amministrazione comunale

La crisi economica continua a vessare numerosi commercianti del territorio, soprattutto nel litorale pisano dove, come annunciano da Confcommercio, dall'inizio 2013 hanno chiuso i battenti già quattro attività. L'associazione di categoria rivolge parole molto dure nei confronti dell'amministrazione comunale, denunciando una scarsa attenzione per il litorale e per il sistema delle piccole imprese locali.

"C'è un'assenza quasi totale di servizi - denunciano da Confcommercio - arredi urbani troppo fatiscenti, un dilagante abusivismo commerciale e un'inaccettabile tolleranza e rassegnazione alle brutture di ogni tipo. L'illuminazione è scarsa, i bagni pubblici inesistenti, la pulizia di marciapiedi e piazze approssimativa, la viabilità insufficiente. Negozi e pubblici esercizi soffrono terribilmente la crisi, come dimostrava già un nostro studio del 2010, ma da allora niente è stato fatto perchè gli imprenditori avessero incentivi e sostegni per continuare le loro attività. Lo scorso 20 dicembre abbiamo chiesto un incontro urgente con il sindaco Marco Filippeschi. Sono trascorsi da allora 50 giorni, senza ricevere alcun cenno di risposta da parte dell'amministrazione".

"Le imprese continuano a morire una dopo l'altra - sottolinea il direttore di Confcommercio Federico Pieragnoli - in rapida successione, nell'indifferenza delle istituzioni locali, viene cancellato un patrimonio di esperienze e professionalità irripetibile, nell'inazione più assoluta dell'amministrazione comunale. Zero riqualificazione, zero incentivi, zero sostegni, zero promozione, zero comunicazione, dall'amministrazione comunale e in particolare dall'assessore competente Giuseppe Forte non è venuto niente per fronteggiare la crisi".

"È chiaro come il sole che al comune di Pisa non interessa la sorte delle piccole e medie imprese del nostro litorale. La nostra richiesta di incontro su questi temi è stata completamente ignorata e le imprese continuano a chiudere. Vogliamo essere chiari: a questo declino della nostra costa e al de profundis delle imprese locali noi non ci rassegniamo e faremo di tutto per aiutarle a vivere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litorale in ginocchio, profonda crisi economica: quattro attività chiudono i battenti

PisaToday è in caricamento