rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Economia

Turismo, l'unione fa la forza: Comune e privati lanciano un piano per lo sviluppo

Nel corso di un primo incontro tra Comune, imprenditori e vari enti attivi nel turismo, è stata evidenziata la volontà di dare vita ad un Piano Industriale per il Turismo a Pisa, un percorso comune delle strategie a medio e lungo termine

In sala regia ieri mattina si sono dati appuntamento 50 diversi soggetti che, a diverso titolo, operano nell’ambito turistico della nostra città. E’ stato un primo momento di incontro per dare vita ad un percorso comune delle strategie turistiche a medio e lungo termine.

Al termine dell’incontro il vicesindaco Paolo Ghezzi, con delega al turismo, si è mostrato soddisfatto sia della partecipazione che dei contenuti emersi.

“Il Turismo rappresenta il 9% del PIL italiano e vede una crescita costante, anche in previsione futura, del 4% annuo. Se nel 1980 erano solo 280 milioni gli spostamenti per turismo, nel 2011 sono stati quasi 1 miliardo e si prevede che nel prossimo ventennio il numero potrebbe raddoppiare. Pisa non può che cogliere questa opportunità e cominciare ad investire seriamente su un settore che a livello nazionale copre il 10% della forza lavoro. Dobbiamo farlo - ha proseguito Ghezzi - con la velocità ed il dinamismo che il settore richiede. I nostri concorrenti sono ormai a livello internazionale e vanno veloci, investono ed offrono qualità a prezzi molto competitivi. A noi servono, finalmente, una strategia ed una operatività condivise. E ho apprezzato molto che nella riunione di oggi (ieri, ndr)sia stato unanime il consenso per la predisposizione di un Piano Industriale per il Turismo a Pisa. Da tutti viene avvertita la mancanza di uno strumento operativo capace di indirizzare efficacemente il pensiero e l’investimento sia pubblico che privato. Dobbiamo dare qualità alla proposta e sostanza agli investimenti affidando a chi ne ha le competenze un approfondimento sui contenuti di sviluppo che sappia partire dalla conoscenza approfondita del nostro posizionamento di mercato e delle nostre reali e principali potenzialità di sviluppo. E’ davvero apprezzabile che Opera Primaziale, Fondazione Pisa, Fondazione Palazzo Blu, Camera di Commercio, Provincia, SAT,Università, CNR e tutte le categorie imprenditoriali che operano nel settore si siano rese disponibili per un lavoro congiunto, mettendo anche in discussione posizioni consolidate, pur di giungere ad un obiettivo comune che ponga l’intera città di Pisa come elemento di promozione di eccellenza”.

“Ancora una volta - ha concluso Ghezzi - siamo di fronte ad una occasione importante. Con i progetti PIUSS abbiamo costruito una opportunità dall’enorme richiamo mediatico che dovremo sapere gestire al meglio in termini di promozione e di accoglienza trasformandola in vera ricchezza per l’intera città. L’incremento dei numeri, costante negli anni, ce lo consente. Per questo se il progetto del terminal turistico sull’Aurelia con spostamento della caserma rimane, a mio avviso, centrale nelle strategie di lungo periodo, non dobbiamo perdere di vista l’occasione che ci viene offerta dal progetto People Mover che, con le sue aree di sosta previste a Pisa Sud, può costituire una valida integrazione al terminal di Via Pietrasantina garantendo un trasferimento veloce dei turisti in zona stazione da cui impostare nuovi percorsi attraverso la città per arrivare infine alla Piazza del Duomo”.

IL FATTO: FAMIGLIA DI RUSSI IN VACANZA, SE NE VA DOPO MEZZ'ORA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, l'unione fa la forza: Comune e privati lanciano un piano per lo sviluppo

PisaToday è in caricamento