menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza, Confcommercio critica: "Risorse minime, servono sostegni per tutti"

L'associazione di categoria non è soddisfatta dai ristori stanziati dalla Regione per le imprese colpite dalla pandemia

"In questi giorni drammatici e con la beffa di una zona rossa annunciata solo poche ore prima dell'entrata in vigore, arriva l'annuncio dei contributi stanziati dalla Regione: purtroppo solo un sassolino nello stagno per le nostre imprese che soffrono terribilmente ormai da 14 mesi". Il direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli commenta l'annuncio dei bandi per contributi regionali: "Ci saranno fondi, seppur minimi, per la filiera della ristorazione e pubblici esercizi, imprese organizzatrici di matrimoni ed eventi, attività di svago, imprese sportive, guide turistiche, agenzie di viaggio e strutture ricettive, artigianato artistico e lavorazioni artigianali. Ma molte categorie rimarranno comunque escluse e non avranno a disposizione neanche un'occasione per un minimo di sostegno. I bandi in uscita invece dovrebbero essere accessibili a tutte le imprese. L'emergenza economica non risparmia nessuno".

"Ogni mese gli imprenditori devono sostenere costi fissi, affitto e utenze, a fronte di fatturati crollati e chiusure comunicate con una schizofrenia che non permette di poter gestire normalmente l'attività. Serve - afferma Pieragnoli - una terapia d'urto per salvare le imprese del commercio, turismo e servizi sempre più vicine al collasso, che la Regione Toscana ha l'obbligo di sostenere con il massimo sforzo, unitamente all'azione del Governo, che ha finora clamorosamente disatteso le premesse con un Decreto Sostegni che garantisce solo briciole alle imprese rispetto alla reale perdita di fatturato".

Il direttore di Confcommercio conclude: "Per il 2020 stimiamo una riduzione di 300mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi, di cui circa 240mila esclusivamente a causa della pandemia. Complessivamente le perdite nel settore del turismo sono state di 100 miliardi, quello della ristorazione 38 miliardi e quello dell'abbigliamento e calzature 20 miliardi, solo per citare le categorie più colpite. Gli imprenditori devono essere messi nelle condizioni di poter sopravvivere a questa momento, ed esigono risposte che non possono essere ignorate".

Gli uffici di Confcommercio sono disponibili per tutte le informazioni necessarie e per assistenza nella compilazione delle domande, contattando Elisabetta Luppichini al 3473718798 (mail e.luppichini@centrofiditerziariopisa.it) e Susanna Petri al 3207726546 (s.petri@centrofiditerziariopisa.it). Filiera della ristorazione: Tania Mucci – 3701510645 (t.mucci@confcommerciopisa.it). Imprese organizzatrici di eventi, attività di svago e attività sportive: Lorenzo Lazzerini – 3200861545 (l.lazzerini@confcommerciopisa.it); Donatella Fontanelli 3347994152 (d.fontanelli@confcommerciopisa.it). Filiera del Turismo: Lorenzo Lazzerini – 3200861545 (l.lazzerini@confcommerciopisa.it); Elettra Zazzeri 3496960979 (e.zazzeri@confcommerciopisa.it).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Caparezza, due tappe in Toscana nel tour 2022: tutte le date

Cura della persona

Manicure semipermanente fai da te, trucchi e consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento