Lunedì, 27 Settembre 2021
Economia

Toscana Aeroporti, il Covid frena il traffico passeggeri ma c'è ottimismo. Sfuma la trattativa per la vendita dell'handling

Una netta flessione nel primo semestre dell'anno, con una parziale ripresa a luglio e agosto che fa ben sperare per il futuro. Salta la vendita di TAH a Consulta ma Toscana Aeroporti non cambia idea sulla cessione

L'emergenza Covid e la chiusura per due mesi dello scalo di Firenze a causa di lavori sulla pista impattano in misura importante sui conti del primo semestre 2021 di Toscana Aeroporti. La società, confermando i dati preliminari emersi ad agosto, ha approvato ieri in sede di consiglio di amministrazione la relazione finanziaria semestrale che testimonia una flessione del traffico passeggeri degli scali di Pisa e Firenze nell'ordine del 60,6% rispetto ai primi sei mesi del 2020, ma anche una netta ripresa a luglio e agosto su base mensile, rispettivamente +87,8 e +21,5%. Dati comunque anche in questo caso molto distanti dal periodo pre-Covid con una flessione che si aggira nell'ordine del 55,2% su luglio 2019 e del 46,3% su agosto 2019.
I ricavi operativi scendono da 19,5 milioni di giugno dell'anno scorso agli 11,9 milioni ottenuti nell'analogo periodo di quest'anno. Il margine Ebitda risulta negativo per 8,3 milioni, in peggioramento rispetto al rosso di 5,4 milioni dei primi sei mesi del 2020. Il risultato netto di periodo del gruppo tocca i -13,3 milioni contro gli 8,9 milioni dell'anno scorso. Tuttavia nel secondo trimestre si intravedono dei miglioramenti sia sul traffico passeggeri (+1.298,5% rispetto al periodo aprile-giugno 2020) che sul fronte dei ricavi (+194,4%) e anche del risultato netto (da -6 milioni del 2020 a -5,6 milioni).

Il presidente di Toscana Aeroporti, Marco Carrai, pur riconoscendo che il traffico passeggeri è ancora ben distante dal periodo pre-pandemia, afferma di guardare con "ottimismo" ai prossimi mesi, viste anche le buone performance estive. "L'implementazione del Green pass e il positivo andamento della campagna vaccinale - aggiunge - sono stati fattori fondamentali nel favorire la ripresa. Auspichiamo, ora, l'adozione definitiva di standard univoci a livello internazionale".

Vendita handling: si ferma la trattativa

Brusca frenata sulla trattativa per la cessione del comparto handling di Toscana Aeroporti a Consulta Spa. La vendita, almeno per il momento, sfuma. "Il consiglio di amministrazione di Toscana Aeroporti ha preso atto della mancanza delle condizioni ritenute necessarie alla definizione di un accordo di cessione della controllata Toscana Aeroporti Handling (TAH) a Consulta - si legge in una nota della società che gestisce i due scali di Pisa e Firenze - Toscana Aeroporti ribadisce comunque la volontà di perseguire l’obiettivo strategico di cessione delle attività di handling al fine di concentrare le proprie risorse sulle attività tipiche della gestione aeroportuale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana Aeroporti, il Covid frena il traffico passeggeri ma c'è ottimismo. Sfuma la trattativa per la vendita dell'handling

PisaToday è in caricamento