Economia

Aziende: a Rosso Toscana il riconoscimento di Unicredit

L'azienda che ha sede nell'area Pip di Lavoria è stata riconosciuta come unica eccellenza a livello regionale: è attiva nella vendita on line di capi in pelle e in cuoio

Un momento della premiazione

La tradizione artigianale si fonde con l’alta tecnologia per dare vita ad un nuovo modello di business. È questo il dna di Rosso Toscana, l’azienda specializzata nella commercializzazione online della pelletteria artigianale made in Tuscany che si è aggiudicata a Bologna, lo scorso 14 luglio, il prestigioso riconoscimento “Ok Italia 2011” di UniCredit, giunto quest’anno all’ottava edizione.

Un evento che Confartigianato Imprese Pisa, di cui l’azienda è socia, ha valorizzato stamattina con una conferenza stampa presso la sede dell’Associazione alla quale sono intervenuti il presidente di Confartigianato Pisa Fabio Banti, il sindaco del Comune di Crespina Thomas D’Addona, il responsabile UniCredit PMI Direzione Network Toscana/Umbria/Marche Stefano Centelli e il titolare dell’azienda Rosso Toscana Francesco Altavilla.

Tra le oltre cento imprese selezionate su tutto il territorio nazionale, Rosso Toscana si è classificata non solo tra le sedici super finaliste, ma è anche l’unica "eccellenza" a livello regionale. Un fiore all’occhiello per Confartigianato Imprese Pisa, che si conferma vera e propria ‘coltivatrice’ di talenti. Merito dell’Associazione pisana è infatti quello di aver saputo cogliere e valorizzare l’eccellenza dell’impresa, accompagnandola nel percorso che l’ha portata ad essere finalista del concorso. Non solo: Confartigianato Pisa ha consentito all’azienda di ampliarsi favorendone l’insediamento all’interno del PIP di Lavoria.

L’iniziativa promossa da UniCredit ha puntato quest’anno i riflettori sulla capacità delle PMI italiane di sfruttare sinergie, economie di scala e benefici competitivi derivanti dall’aggregazione di rete. Tre le categorie di premiazione: Internazionalizzazione, Innovazione, Valorizzazione del territorio.

L'AZIENDA. Nata nel 2004 a Lavoria dall’intuito e l’intraprendenza di una giovane coppia di imprenditori, Francesco Altavilla e Gina Italiano, la boutique online Rosso Toscana è diventata leader a livello mondiale nella vendita di capi in pelle ed in cuoio. Il marchio viene commercializzato prevalentemente fuori dall’Italia, basta pensare che nel 2010 il 92% dei prodotti è stato venduto sui mercati esteri (in particolare Francia, Germania, Olanda, Stati uniti e Canada) avvalendosi del modello di vendita online.

Nello stabilimento di Lavoria, che si sviluppa su una superficie di circa 700 metri quadrati, Rosso Toscana occupa undici addetti per un fatturato che sfiora i 2 milioni di euro. Tra i suoi punti di forza, oltre all’innovazione, ci sono l’internazionalizzazione e la capacità di fare rete. L’azienda è a capo di una filiera corta: sono sei i borsettifici e tre le concerie toscane da cui Rosso Toscana si rifornisce.
Utilizzo delle migliori materie prime, attenzione ai particolari e un modello di business immediato e flessibile fanno di Rosso Toscana un perfetto esempio dell’eccellenza made in Tuscany. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aziende: a Rosso Toscana il riconoscimento di Unicredit

PisaToday è in caricamento