Economia Ospedaletto / Via Stanislao Cannizzaro, 7

All.co: sciopero ad oltranza per i 175 operai dell'azienda di alluminio

La decisione dei lavoratori è scaturita in seguito all'intenzione della proprietà di mettere in libertà senza stipendio gli operai del turno di notte: braccio di ferro tra sindacati e azienda sulle vere ragioni del gesto

Dopo lo sciopero della scorsa settimana i lavoratori della All.co, l'azienda pisana che produce profilati in alluminio replicano, proclamando stavolta lo sciopero ad oltranza. La decisione è scaturita in seguito alla volontà dei vertici aziendali di mettere in libertà i lavoratori del turno di notte che stavano effettuando scioperi a singhiozzo. Secondo la dirigenza infatti non sarebbe stata garantita la sicurezza degli impianti a causa delle astensioni dal lavoro.

Ma i 175 operai della All.co non ci stanno: protestano fuori dai cancelli della fabbrica impedendo a camion carichi di materiale di entrare nella struttura.
La risoluzione presa dalla proprietà non convince neanche la Cgil. "E' solo una scusa - ha spiegato Natasha Merola della Fiom-Cgil - perché in realtà non c'é alcun problema per gli impianti. Si tratta invece di un provvedimento punitivo nei confronti di coloro che aderivano alla vertenza di questi giorni, scoppiata per la decisione aziendale di mettere in mobilità 19 dipendenti pur non essendocene bisogno perché le commesse non mancano. La scelta di mettere in libertà non retribuita i dipendenti del turno di notte rimandandoli a casa ha spinto tutti i loro colleghi a scioperare immediatamente questa mattina e ad oltranza finché non sarà revocato il provvedimento di mobilità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All.co: sciopero ad oltranza per i 175 operai dell'azienda di alluminio

PisaToday è in caricamento