Economia

Cantieri navali Baglietto: a rischio il cambio al vertice

Ancora uno stop nella trattativa per il passaggio di proprietà dei cantieri navali: a provocare il rallentamento il dubbio sul rinnovo automatico delle concessioni demaniali

Rischia di saltare l'accordo per il passaggio di proprietà degli ex cantieri navali Baglietto di La Spezia, Varazze (Savona) e Pisa al gruppo Overmarine di Giuseppe Balducci. La trattativa ha subito una frenata per la vicenda delle concessioni demaniali dei due cantieri liguri.

"Overmarine - spiega il segretario provinciale della Cgil di Pisa, Gianfranco Francese - ha chiesto, senza ottenerle dal liquidatore della Baglietto, garanzie sulla possibilità di esercitare quelle concessioni anche a La Spezia e Varazze". In sostanza, nell'omologa del concordato fallimentare non vi sarebbe, secondo quanto appreso dal sindacato, certezza "che le concessioni siano automaticamente rinnovabili e dunque il rischio per Overmarine sarebbe quello di trovarsi a disporre di un marchio senza un bene dove sviluppare la propria attività industriale".


"Da parte nostra - conclude Francese - rivolgiamo un appello al senso di responsabilità delle parti per rispettare gli impegni presi: quello di Overmarine di assumere tutti i dipendenti (circa 150), salvaguardando i diritti finora acquisiti, e al liquidatore della Baglietto chiediamo di impegnarsi affinché si risolva la situazione delle concessioni per consentire al gruppo viareggino di svolgere pienamente la sua attività industriale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri navali Baglietto: a rischio il cambio al vertice

PisaToday è in caricamento