Martedì, 28 Settembre 2021
Economia

Volterra e Montecatini Val di Cecina tra le aree di crisi non complessa della Toscana

Mazzeo, Nardini e Pieroni (Pd): “Opportunità per territorio che deve tornare a crescere”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

“Un altro tassello cruciale a sostegno del nostro territorio, delle nostre imprese e dei tanti lavoratori che attraversano situazioni di difficoltà. Il riconoscimento di Volterra e Montecatini Val di Cecina come area di crisi ‘non complessa’ permetterà alle realtà che operano su quel territorio di accedere a una serie importante di agevolazioni statali a partire da contributi a fondo perduto abbinati a finanziamenti agevolati come per le aree di crisi complessa. Una risposta concreta che dà seguito agli impegni che, anche come Commissione Costa, ci eravamo presi sul territorio”.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, infatti, ha emanato recentemente con decreto del 4 ottobre scorso ha avviato la procedura per l'individuazione a livello nazionale delle aree di crisi 'non complessa'. Il decreto individua per ogni regione un elenco di SLL (Sistemi Locali del Lavoro) candidabili, sulla base di una serie di regole e di criteri.  Per la provincia di Pisa la Giunta regionale ha individuato i Comuni di Volterra e Montecatini Val di Cecina quali territori aventi i presupposti per tale classificazione.

“Questa misura si aggiunge ad altre iniziative della Regione, come ad esempio lo sconto del 10 per cento sui consumi energetici delle imprese, il bando per lavori di pubblica utilità e il  piano anticrisi per la Val di Cecina. È oltretutto importante il fatto che imprese che rientrano nelle aree di crisi non complessa potranno accedere a specifiche premialità o riserve di fondi nei bandi a sostegno delle aziende toscane.  Un’occasione di riscatto per questo pezzo di Toscana. Insieme a tutti gli attori coinvolti dovremo mettere massima attenzione e competenze affinché a seguito delle misure speciali arrivino anche risultati positivi per il rilancio economico e nuove opportunità di lavoro”.

Così Antonio Mazzeo, Alessandra Nardini e Andrea Pieroni commentano l’approvazione da parte della Giunta toscana dell’elenco dei territori che entrano a far parte delle Aree di Crisi 'non complessa'. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volterra e Montecatini Val di Cecina tra le aree di crisi non complessa della Toscana

PisaToday è in caricamento