Eventi Porta Nuova / Via Bonanno Pisano

Bambini in ospedale: il 23 dicembre una festa per un sorriso

All'interno della ludoteca della Clinica pediatrica dell'ospedale Santa Chiara, burattini, clown, storie e canzoni natalizie cercheranno di rendere meno triste il Natale dei piccoli pazienti e dei loro familiari

Una mattinata in compagnia di burattini, clown, storielle e canzoni natalizie nella ludoteca della Clinica pediatrica dell’Aoup (ospedale Santa Chiara), con la festa di Natale organizzata per venerdì 23 dicembre, a partire dalle 10 del mattino, grazie alle educatrici (cooperativa sociale “Il Progetto”), ai clown-dottori (Associazione “Ridere per vivere”), alla compagnia teatrale “Habanera”, alla sezione soci Coop di Pisa, alla Pubblica Assistenza, alla Scuola di musica FAF (acronimo dal tedesco frei aber froh, libero e felice), con la collaborazione del personale sanitario di tutta la Clinica pediatrica.

Il programma della festa prevede:

- alle 10 lo spettacolo di burattini “La fiammiferaia e altre storie di Natale” a cura della compagnia teatrale Habanera;

- alle 11 “Cantiamo con Babbo Natale” in collaborazione con la Pubblica Assistenza;

- alle 11.30 Musica Maestro! con l’orchestra d’archi della Scuola di musica FAF.

Concluderà la mattinata di allegria uno spuntino natalizio.

Obiettivo dell’iniziativa, regalare un momento di distrazione e sorriso sia ai piccoli degenti che ai loro familiari, scardinando quindi per qualche ora la quotidiana routine ospedaliera, in un luogo dove i bambini vengono messi costantemente al centro del processo di cura, e tutta l’organizzazione del lavoro, sanitario e non solo, ruota intorno alle loro esigenze.

La ludoteca dell’ospedale, ad esempio, gestita dalla cooperativa “Il Progetto” è uno spazio giochi che svolge, per 4 giorni a settimana (dal martedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30), attività ricreative per i piccoli ricoverati ma anche per quelli in attesa di visita e all’interno delle singole camere, per i piccoli che non possono lasciare il letto. Il progetto prevede il prestito di giochi e libri in camera, l’allestimento di uno spazio giochi al Pronto soccorso pediatrico, il supporto a medici e infermieri durante le visite per sdrammatizzare l’approccio dei bambini con la strumentazione e le procedure sanitarie, il sostegno emotivo dei bambini e dei loro genitori attraverso l’ascolto e la partecipazione. 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambini in ospedale: il 23 dicembre una festa per un sorriso

PisaToday è in caricamento